Dritti a Scuola, uso consapevole degli zaini scolastici

Il peso della cultura rischia di trasformarsi in un pericolo per la schiena dei nostri figli, sollecitata per un anno intero da carichi eccessivi

Dottor Joseph Cannillo Chiropratico e fitoterapeuta
Corato - mercoledì 03 febbraio 2016
© n.c.

All'inizio di ogni anno scolastico i genitori, abitualmente, si trovano a dover risolvere un dilemma di non poco conto. Gli zaini e le cartelle dei propri bambini, infatti, raggiungono in molti casi dei pesi a dir poco preoccupanti.

Essi possono arrivare a compromettere il mantenimento della giusta postura e causare seri danni alla salute dei ragazzi. Libri, quaderni, astucci ma non solo, anche materiali per attività ricreative, sportive, musicali e, attualmente, altri oggetti personali più futili, come per esempio cellulari o giochi elettronici, gravano sulle loro esili spalle.

A peggiorare il problema ci si mettono anche le infrastrutture scolastiche: infatti molti bambini devono salire, con il loro fardello, un certo numero di rampe di scale ogni giorno, per non parlare della completa mancanza, in Italia, di dispositivi che consentirebbero, quantomeno, di alleviare il problema, come per esempio gli armadietti personali in cui riporre ciò che abitualmente viene usato, invece di doverlo portare ogni giorno da casa.

Il peso della cultura, quindi, rischia di trasformarsi in un pericolo per la schiena dei nostri figli, sollecitata per un anno intero da carichi eccessivi. Il problema, purtroppo, è reale. Dati statistici riportano che mentre un adulto si sposta abitualmente per lavoro, portando una borsa che ha un peso compreso tra l'1% e il 10% massimo del proprio peso corporeo, i bambini, paradossalmente, assumono ogni giorno carichi che vanno dal 10% al 30% del peso.

Cosa possono fare, quindi, i genitori, per salvaguardare la salute dei propri figli? In realtà, attenendosi a una serie di consigli utili e poche regole di ordine pratico, si potrà riscontrare un immediato sollievo per la schiena dei bambini.

Piccoli accorgimenti di ordine pratico devono riguardare per prima cosa la qualità dello zaino. È consigliabile scegliere modelli ergonomici, con schienale rigido, in modo da evitare che i libri formino angoli fastidiosi; le bretelle devono essere larghe e regolabili, per distribuire meglio il peso sulla spalla. Lo zaino, complessivamente, dovrà essere compatto e non troppo voluminoso, dotato di una cintura che dev'essere possibile allacciare anteriormente, ad altezza vita, per consentire la corretta adesione dello zaino alla colonna vertebrale, evitando che esso si sposti durante il cammino.

Al fine di aiutare i genitori a orientarsi in modo corretto e funzionale, l'Associazione Salute e Sicurezza ONLUS, in collaborazione con Forza Vitale, ha messo a punto un progetto gratuito di monitoraggio e di rieducazione, indirizzato a studenti frequentanti la prima media, atto al controllo e alla prevenzione dei danni derivati dall'utilizzo di carichi eccessivi.

Tramite questo progetto e con l'aiuto delle istituzioni scolastiche, si cercherà di sensibilizzare, adulti e adolescenti a un uso più consapevole degli zaini scolastici per cercare di dare una soluzione definitiva a un problema di cui si parla da anni ma che, fino ad ora, non è mai stato affrontato in modo risolutivo.

Articolo a cura della Dottoressa Marianna Cannillo

Email: info@forzavitale.it

Informazioni mediche a cura dell'autore.