La speranze

La speranza

Mimmo Mazzilli Citte citte ’mmezze alla chjazze
Corato - venerdì 21 febbraio 2014
©

Vediebbe l’alta dì  nu scapecchjàune

Èrre   ne   sorte   de   calasciàune,

se ne sciàje tutte sciambrate
èrre   pure   scapecerrate.

’Nzieme a  miche  stàje  nu  amisce
e chjane chjane aggumenzò a disce:

“Vide  cudde  giovanotto
è vengiute  o Superlotto,

è   vengiute    na   fertune,
ma nan u vole fa sàpaie a nesc-sciune,

èrre nu crestiane spenzierate
mo   ve   sembre   accerate,

tenàie   nu   sacche   d’amisce
mo u vide accamme na serpe accise,

pigghie pavure de darse addenne,
peddenne, u piezze nan u spenne,

èrre sembre sciuquannare
mo   è   u   chjù   avare”.

Penziebbe:  “E chesse  iè  fertune?
Une  ca  se  ne  stè  a  scì  o  lume!

Stame megghie nu ca penduale
repètime   u   retuale.

Sembre o stesse petteghine
sciuquame   la   schedine,

e   finghe   a   la   strazione
penzame de cambià posizione,

grazzie  a  Ddì nan addevename
e petime sperà pe n’alta semane.

 

Traduzione
La speranza

Vidi l’altro giorno un giovanottone / era   alto    e    grassone, / indossava un abito svasato / era   anche   spettinato. 
Con me stava un conoscente / Che  mi  disse quasi  silente : / “Vedi quel giovanotto / ha vinto al Superlotto, / ha   vinto   una   fortuna / ma non vuole che lo sappia persona alcuna, / era una persona spensierata / ora  è  sempre   arrabbiata, / aveva   molti   amici / ora è il re degli infelici, / ha   paura   di   farsi   notare / perciò i soldi non vuol consumare, / era sempre scherzoso / ora  è  il  più serioso”.

Pensai:  Questa  è  fortun / uno che sta perdendo il barlum ! / Stiamo meglio noi che puntual / ripetiamo   il   ritual. / Sempre al solito tabacchin / giochiamo   la   schedin / e  fino   all’estrazione / pensiamo di cambiare posizione, / fortunatamente  nulla  azzecchiam / e possiamo sperare per un’altra settiman.

Altri articoli
Gli articoli più letti