Come trovare un buon Sindaco?

Si avvicinano le elezioni amministrarive che rinnoveranno Sindaco, Giunta e Consiglio Comunale ma il dibattito in Cittá ristagna.

Francesco Stolfa Il Cor(ro)sivo
Corato - venerdì 21 dicembre 2012
©

Si avvicinano le elezioni amministrarive che rinnoveranno Sindaco, Giunta e Consiglio Comunale ma il dibattito in Cittá ristagna.

Nel Centrosinistra il maggior partito decide di individuare il proprio candidato sindaco in una riunione di sole 20 persone e, in mancanza di altre candidature, finisce col ratificare quella del Capogruppo uscente: un signore degnissimo, con la faccia simpatica, un po' alla Lucio Dalla. Ma niente di più; e poi, scelto così...

Una novità interessante sembra la candidatura di Renato Bucci (anche se il suo programma, almeno per come illustrato su CoratoLive.it, sembra po' generico). Essa però avrebbe dovuto indurre subito il Centrosinistra ad organizzare le primarie, ma, al momento, tutto tace.

Anche sul versante opposto, quello del Centrodestra, è tutto fermo, come se non fossimo ormai a qualche mese dalle elezioni; in ogni caso i rumors non promettono niente di buono: nessun nome significativo viene sussurrato nelle stanze del palazzo.

Al centro, poi, la confusione è enorme: i generali partono all'attacco ma poi scoprono di essere rimasti senza esercito. E le varie liste civiche non sono riuscite a fare un solo nome di spicco.

Ma quel che più colpisce è il silenzio della cosiddetta società civile: nè le varie associazioni nè i singoli cittadini prendono posizione, prospettano un progetto o almeno un'idea di Città, propongono soluzioni, lanciano nomi. Ognuno è guicciardinamente occupato nel (e preoccupato del) proprio "particulare"; e della Città, chissennè, la governasse pure uno qualsiasi.

Massì! Cosa sono tutte queste storie, questi drammi, ogni volta che si devono scegliere i nostri governanti? ... in fondo, uno vale l'altro. L'importante è che ci lascino lavorare, chè noi non abbiamo tempo da perdere!

Anzi mi è venuta un'idea che ci farà anche risparmiare un sacco di soldi: sì, un bel sorteggio, come quello per l'inaugurazione del Teatro; generalizziamo questa bella trovata di Perrone e scegliamoci gli amministratori sorteggiandoli con l'aiuto del buon Mimì Capozza. E chi capita capita.

E magari (poichè la fortuna è solo un'invezione degli uomini) il buon Dio, nella sua  infinita misericordia, visto che noi non ne siamo stati capaci, ci farà capitare proprio una bella persona, onesta, capace, qualificata, come non se ne vedono da tempo nel nostro panorama politico cittadino.

PS: Come dite? Questo cor(ro)sivo non fa ridere? Già. È vero. Ridiamo ugualmente, però, ridiamo; per non piangere.