"Dedicato", una bontà tutta pugliese

"Dedicato", una bontà tutta pugliese

Le caratteristiche più importanti della linea proposta da Granoro sono la rugosità e la consistenza, unite alla capacità di tenere la cottura cedendo quegli amidi indispensabili a risottare la pasta durante la mantecatura

Signor Jacopo Il palato di Jacopo
Corato - giovedì 07 settembre 2017
© n.c.

L’anno di nascita del pastificio Attilio Mastromauro ci riporta alla memoria un contesto sociale, certamente meno evoluto dell’attuale, ma pregno di valori che favorivano il rispetto delle tradizioni.

L’alimentazione di allora, mediterranea nel senso vero e più autentico del termine, poco spazio concedeva alla fantasia prevedendo un cospicuo contributo di due alimenti fondamentali: il pane e la pasta. Oggi stiamo rivalutando la portata di questi due alimenti essenziali, quali carboidrati indispensabili per il nostro benessere, anche in un regime di controllo alimentare. Entrambi rappresentano alimenti genuini a patto di utilizzare materie prime di qualità.

In tal senso la nostra città offre un’occasione unica in quanto siamo un polo di eccellenza nella lavorazione dei cereali con una ribalta di primo piano a livello nazionale e oltre.

Dobbiamo tuttavia ammettere che nel corso di un cinquantennio, abbiamo voluto raffinare le lavorazioni per ottenere un miglioramento “apparente” che, spesso o quasi sempre, mal si è conciliato con il gusto.

Oggi, posta in secondo piano quella perfezione derivante da un discutibile processo di industrializzazione, siamo affannati a recuperare quella tradizione ammettendo, ed anzi valorizzando, ciò che prima veniva percepito come sgradevole difetto.

Sveliamo finalmente qual è il prodotto che merita il nostro interesse: si tratta della linea “Dedicato” di Granoro che fa dell’attenzione alla nostra terra e della sostenibilità le qualità fondanti.

Sul packaging subito un’osservazione. Meglio optare per un involucro con meno diciture: oltre a quelle obbligatorie, altre dovrebbero essere rivalutate e ridotte all’essenziale. Ricordiamo che lo scopo principale è valorizzare il contenuto senza trascurare tuttavia l’eleganza del contenitore.

Torniamo al prodotto e notiamo che l’attenzione è stata incentrata al recupero e all’utilizzo di alcune cultivar che hanno consentito di ottenere risultati di eccellenza nel mix di cereali alla base della linea Dedicato.

Questa attenzione, anzi “dedizione”, è la dimostrazione concreta del fatto che alcuni prodotti, comunemente riconosciuti di alta qualità, altro non sono se non la tendenza al totale ed assoluto rispetto delle tradizioni. È il caso, quale esempio concreto, delle paste di Gragnano. In questo caso Granoro ci dimostra che il nostro territorio può dunque competere ad armi pari. È questo il valore aggiunto ed assoluto che intendiamo sottolineare.

Veniamo infine alla degustazione del prodotto. Le sue caratteristiche più importanti sono la rugosità, che trattiene i condimenti, e la consistenza unita alla capacità di tenere la cottura cedendo quegli amidi indispensabili a risottare la pasta durante la mantecatura. Queste due caratteristiche conferiscono un valore assoluto alla linea “Dedicato”.

A nostro modesto parere il formato più interessante è rappresentato dai pennoni che, sia con preparazioni di terra che di mare, sono in grado di esaltare il gusto di un ottimo primo.

Dunque, buon appetito!

Altri articoli
Gli articoli più letti