U Pendite

Piano piano i nostri sentimenti si affievoliscono, diventiamo di latta, come degli automi. Impariamo a saper ascoltare il nostro cuore, godiamo della vita e soprattutto delle piccole gioie

Mimmo Mazzilli Citte citte ’mmezze alla chjazze
Corato - venerdì 03 ottobre 2014
©

Siamo diventati dei robot, ci stiamo autodistruggendo per raggiungere a tutti i costi un obiettivo, spesso economico. Piano piano i nostri sentimenti si affievoliscono, diventiamo di latta, come degli automi. Impariamo a saper ascoltare il nostro cuore, godiamo della vita e soprattutto delle piccole gioie. Facciamolo ora, domani potrebbe essere troppo tardi.

U Pendite

Tutte velime na vita belle,
velime arrevà a le stelle,
velime in ogni momende
esse felisce e cundènde,
velime esse ricche
e nan accundandame de re picche.

Penzame sembre a la ricchezze
e tutte ’nzieme arrevame a la vecchjezze.

Totte na vite nan ame avvertude
Quande prièsce ame perdute.

E’ troppe tarde quanne arrevame a capì
chedde ca ne mannatte u Signore Ddì.

Petemme esse chjù cundènde
ce stemme ne picche chjù attende.

Ce avemme apprezzate re cause da picche,
mo n’avemme sindì chjù ricche.

 

Il Pentito

Vogliamo tutti una vita di cose belle / vogliamo raggiungere le stelle, / vogliamo che in tutti i momenti / siamo felici e contenti, / vogliamo una ricchezza sostanziale / e non ci accontentiamo dell’essenziale, / pensiamo sempre alla ricchezza / e senza accorgercene arriviamo alla vecchiezza.

Tutta una vita abbiamo vissuto / e non ci siamo accorti di ciò che abbiamo perduto, / è troppo tardi quando abbiamo il sentore / di tutto quello che ci ha donato il Signore.

Potevamo essere più contenti / se fossimo stati più attenti.

Se avessimo apprezzato le piccolezze / ora ci sentiremmo possessori di grandi ricchezze.

Altri articoli
Gli articoli più letti