U Zefecuse

Nel dialetto coratino vi sono molte parole che terminano in “use”. Mi sono divertito a metterne alcune insieme, tentando di ottenere una filastrocca con un minimo di senso compiuto

Mimmo Mazzilli Citte citte ’mmezze alla chjazze
Corato - venerdì 26 settembre 2014
©

Nel dialetto coratino vi sono molte parole che terminano in “use”. Mi sono divertito  a metterne alcune insieme, tentando di ottenere una filastrocca con un minimo di senso compiuto.


U Zefecuse

E’ nu tipe criuse
spesse  sestuse

è   sembre   zelluse
ed è pure scherzuse

pare   vizziuse
ma nan è celuse

fasce   u   speciuse
ma è assalute maffiuse

certe volte è nervuse
quase me arracattuse

quande tene u picce è cavelluse
e   devende   meteculuse

puote  disce  ca  fasce  u   ‘mbruvuse
ma nan puote disce ca è pedecchiuse

nemmanghe   tegnuse
e nemmanghe zezzuse

quande arrive la sère è calfettuse
e   devende   scacazzuse

u   chiamene   U Ariuse
ma cudde è assalute Zefecuse.


Lo Zio Focoso

E’ un tipo curioso
spesso   scontroso

è sempre cerimonioso
ed  è  pure  scherzoso

sembra   vizioso
ma non è geloso

fa   lo   specioso
ma è solo vanitoso

a  volte  è  nervoso
quasi mai  litigioso

quando fa i capricci è cavilloso
e   diviene    meticoloso

puoi chiamarlo  moccioso
ma   non   è   pidocchioso

nemmeno   tignoso
e nemmeno zozzoso

quando si fa sera è  schizzinoso
e   diviene   pauroso

lo   chiamano   l’Arioso
ma è solamente  lo Zio Focoso.

Altri articoli
Gli articoli più letti