Il signor C, I puntata: “Liquami e partecipazione responsabile”

Quando ci decideremo a passare dalla delega in bianco alla partecipazione responsabile?

Francesco Stolfa Il Cor(ro)sivo
Corato - domenica 13 maggio 2012
©

DA "LE STORIE DEL SIG. K" DI BERTOLD BRECHT.
Il signor K percorreva una valle, quando improvvisamente notò che i suoi piedi affondavano nell’acqua. Allora capì che la sua valle era in realtà un braccio di mare e che si avvicinava l’ora dell’alta marea. Si fermò subito per guardarsi attorno in cerca di una barca e finché ebbe speranza di trovarla rimase fermo.

Ma quando si persuase che non c’erano barche in vista, abbandonò questa speranza e sperò che l’acqua non salisse più. Solo quando l’acqua gli fu arrivata al mento abbandonò anche questa speranza e si mise a nuotare. Aveva capito che egli stesso era una barca.

LIBERO ADATTAMENTO ALLA NOSTRA REALTÀ.
Il Sig. C (Coratino) percorreva le strade della sua Città, quando improvvisamente notó che i suoi piedi affondavano in una strana sostanza semi-liquida maleodorante di color marrone. Si fermó subito e speró che il livello del liquido non salisse ulteriormente. In poco tempo, peró, il liquido gli arrivó alla cintola.

Allora si guardó attorno sperando che passasse una barca. Dopo un po' passó effettivamente una strana barca nera guidata da Gino Postino ma questa non si fermó a salvarlo. Anzi, gli altri occupanti avevano grossi problemi viscerali e peggiorarono ancor di più la situazione.

Poco dopo passó un'altra barca rossa guidata da Rino Fiorellino che tiró diritto con cipiglio decisionista, senza degnarlo di uno sguardo. Anche i suoi occupanti avevano problemi di dissenteria e questo alzó ulteriormente il livello del problema.

Poco dopo passó, infine, il super motoscafo di Gino Topolino affollato di tante persone in festa: anche loro si "scioglievano" continuamente per il loro capo e il livello del liquido gli salí fino al mento. A quel punto il sig. C rischió davvero di annegare.

Fu allora che abbandonó anche questa speranza e finalmente provó a nuotare: con un bel po' di bracciate e molta fatica si mise in salvo. Aveva capito che non aveva bisogno di nessuna barca e che, anzi, egli stesso era una barca.

DELLA SERIE:
Quando ci decideremo a passare dalla delega in bianco alla partecipazione responsabile?