La freve du ’mbraculuse

La febbre del pauroso

Mimmo Mazzilli Citte citte ’mmezze alla chjazze
Corato - giovedì 24 aprile 2014
©

Spesso un piccolo malanno ci spaventa.
E’ un buon segnale. Vuol dire che abbiamo capito il grande dono che abbiamo ricevuto. Impariamo ad apprezzarlo e ricordiamoci dei nostri fratelli meno fortunati.

La freve du ’mbraculuse

Me fasce calle, me fasce fridde,
re d’òcchjere aune devendate du pendidde,
la càmere aggire
m’accumenze a pigghjà abbile,
me sènde criùse
devende sèmbre chjù sestuse,
me volte e m’aggire inde o liètte
nan pigghje regìette,
chjame u prime, u seconde,
quanne ne chjame na le conde,
totte la famìgghje a capetale
percè ghj’, me sende male,
“Mo more chiamate u moneche”,
doppe picche, arrive u miedeche.

“Tu sinde u malate?”
n’acchiamendate, n’attandate:
“Tu stè na bellezze,
è na minghjarlèzze”
E ammenò la sèndenze:
“Se pigghjate la ’mbruènze!”
“Ma vide ’stu carnevale”
vramèrene le famigghjare a capetale,
“Pe na fessarì de cafè,
è fatte ne cefè”.

M’ avàje salvà la facce,
penzìebbe: “ Mo diche na cause ca sacce”
M’addrezzìebbe e dicenne dicenne, me dìebbe na scutuate:
“U sane nan crede o malate”.

 

La febbre del pauroso
Ho caldo, ho freddo, / gli occhi han cambiato aspetto, (sono diventati due puntini) / la stanza inizia a girare / ed io mi incomincio a preoccupare, / mi sento curioso divento sempre più nervoso, / mi giro e rigiro nel letto / non riesco a trovar assetto, / chiamo il primo, il secondo, / quanti ne chiamo non li conto, / tutta la famiglia al capezzale / perché io sto male, / adesso muoio chiamate il monaco / dopo poco arriva il medico.

“Tu sei la persona ammalata?” / una guardata, una toccata: / “Tu stai una bellezza è una sciocchezza” / ed emise la sua sentenza / “Hai preso l’influenza!” / “Ma vedi un po’ sto Carnevale”.
Esclamarono i familiari al capezzale / “Per una piccolezza come un caffè / ha creato un “cefè”. (gran fracasso, espressione prettamente locale)

Dovevo salvarmi la reputazione / Pensai: “Ora dico una cosa che attiri l’attenzione” / Mi tirai su e dicendo dicendo mi posi raddrizzato: / “Chi sta bene non crede all’ammalato”.