Il Senatore Pasquale Lops

Gerardo Strippoli questa volta dedica la rubrica a una delle figuare più emblematiche coratine.

Corato - venerdì 04 luglio 2008
Il Senatore Pasquale Lops
Il Senatore Pasquale Lops © n.c.
Di recente Corato ha ricordato, in occasione del decennale della morte, una delle sue figure più emblematiche: quella del Sen. Pasquale Lops.

Mi ha colpito positivamente l’argomentare di vari nostri esponenti politici, di ogni schieramento, che sono stati tutti concordi in un unico giudizio: il Senatore Lops si è guadagnata “sul campo” la stima di tutti coloro che lo hanno conosciuto e, per dirla nell’accezione più nobile del termine della nostra rubrica, è stato e rimarrà un autentico “zechelàune!”.

Solo la sua coerenza, la sua lealtà, il suo rispetto delle altrui idee, il suo non rinnegare le umili origini lo hanno portato ad avere una brillante ed eccezionale carriera politica, vedendolo partire da contadino ed operaio, passare a Dirigente Sindacale per poi giungere a sedere tra i banchi di Montecitorio e Palazzo Madama.

Pasquale, così desiderava essere chiamato, costituisce l’orgoglio non solo di una classe operaia, ma di un’intera comunità.

Mi piace ricordare le volte che lo incontravo nella stazione ferroviaria di Barletta, quando aspettavamo entrambi il treno delle 00.24 per Roma, io per raggiungere il mio luogo di lavoro e Lui per raggiungere il Senato: la figura di quell’uomo esile, dai baffetti curatissimi, con l’inseparabile “Unità” in tasca, senza alcun codazzo, né autista al seguito mi faceva pensare: “vedi, anche adesso è uno di noi: raggiunge il Suo lavoro come tanti impiegati ed operai.”

Il Sen. Pasquale Lops, al pari di altre figure esemplari, come il Rag. Gino Di Gennaro, il Prof. Pasquale Fabiano, il Prof. Cataldo Leone, l’On. Gaetano Olivieri, appartiene ad una schiera di uomini che si astraggono dal loro ruolo politico o istituzionale per assurgere ad un’altra categoria: quella di “uomini giusti”.

Per questo ho voluto dedicare a Lui qualche rigo alla maniera de “le zechelùne”.

U Senatòre

Sàupe o Stradòne la bandìera ròsse camìne chiàne,
rète a chèdde vè na mòrrue de cristiàne,
gredènne vàune o guvèrne, a le segnùre
ca nan z’àuna scurdà de l’operàie, de le zappatùre.
‘Nànza ‘nànze n’òmene màche pe le mestazzùdde
camìne a càpa rètte, nan pìgghie pavùre de nùdde.
Accàmme calamìte se tìre appìerse u cortè,
ògne cumbàgne ‘nzìeme a ìdde sàpe adda vè.
Sòtte o menecìpie se vàune a fermà
l’òmene pu mestazzùdde ‘dà ava parlà.
Abbàttene re màne accàmme cùdde sàle
po’ tutte cìtte….. pàrle Pasquàle.
Paròle fùorte ièssene da chèra fàccia scavàte,
paròle pe defènne le chiù sfertenàte,
paròle singère a tutte la società,
de ce vòle ca u mùnne mègghie av’aggerà:
“Sòche Pasquàle e accàmme e vù tènghe u delàure,
sàcce ce vòle dìsce la fatìche, u sedàure.
Accàmme e vù tènghe le càdde a re màne
pe pertà a le fìgghie mì ne stùozze de pàne.
Cùsse è u memènde, na ne petìme fermà,
de fànne sendì, stàme pure nù ìnde alla società.
Nan petìme scì alla fertùne ògne dì du calendàrie,
tenìme pùre nù famìgghie, velìme u salàrie”.
La fòrze ca vène fòre da chère e quàtte òsse
vàle chiù de iùne ca fàsce cìende mòsse.
Nan tène ‘struziòne ma pàrle pu còre,
mègghie de nu avvecàte o prevessòre.
La gènde vòle ‘bène a cùre crestiàne speciàle,
mò è Senatòre ma remàne sèmbe Pasquàle.