Cenzìne u zanzàne (Vincenzino il mediatore)

Di Gerardo Strippoli. Si tratta di un signore che svolgeva un’attività quasi inventata e sempre esistita: l’arte della mediazione.

Corato - venerdì 14 marzo 2008
Cenzìne u zanzàne (Vincenzino il mediatore)
Cenzìne u zanzàne (Vincenzino il mediatore) © n.c.

Nella grande famiglia de “le zechelùne”, secondo me, vanno annoverate, oltre a personaggi molte volte derisi, anche alcune persone che si sono distinte per il loro simpatico modo di fare e di porgersi. Uno di questi era sicuramente il personaggio che questa volta vado a descrivervi.

Si tratta di un signore che svolgeva un’attività quasi inventata e sempre esistita.
Non lo definirei un vero e proprio lavoro, ma sotto molti aspetti una vera e propria arte: l’arte della mediazione, del saper convincere.

Cenzìne u zanzàne” era sempre presente, soprattutto nei luoghi dove stazionavano gruppi di persone e nei posti più frequentati dalla società coratina: il corso cittadino, il Municipio, i bar e i circoli, gli studi tecnici e notarili.

Sempre accorto a tutti i possibili affari, alla ricerca di chi avesse voglia di vendere o comprare, si intrufolava molto garbatamente cercando di carpire la possibilità di mediare tra il venditore e il compratore, con la possibilità di una certa percentuale per sé stesso. Girava sempre ben vestito e riveriva tutti con grande educazione, cordialmente e senza distinzione: nobili e pezzenti, dottori e operai, proprietari e nullatenenti.

Per “Cenzìne u zanzàne” erano tutti uguali, tutti possibili clienti!

E’ a lui che ho dedicato la poesia che Vi propongo, tra l’altro musicata magistralmente dal M° Luigi Palumbo e dai bravi musicisti del progetto “Aquarata”, andando a costituire uno dei brani più apprezzati del loro secondo CD “Terra nòste”.

U zanzàne

So sciùte alla scòle cingh’anne finghe a Tràne,
sòche raggiunìere, ma fàzze u zanzàne.

Inde a na bànghe velàie trasì
a fa cùnde rète a na screvanì,
l’uneca càuse pe dàmme pàne
sòche acchiàte assalùte de fa u zanzàne.

Tutte le fatte vòche scavènne
de ce vòle accattà e ce vòle vènne.

T’àcchie na case pe tre o quatte stanze,
ce me dè assalùte ne pìcche de cebànze.

Accàmme ne cane mètte u nase ‘ndèrre
ce vù ne fondarìedde, ne pezzètte de terre.

Vè acchiènne ne negòzie, na vecciarìe,
nan te pegghià abbìle ca ce pènze ghìe.

Ce te serve na machene, ne motore
ne vedìme dò fra ne pare d’ore.

Me stòche finànghe ad’organizzà
Ca pure la zìte ghìe te pòzze acchià;
pènze a tutte dall’ambasciàte,
fìnghe sòtte o balcone la serenate.

De tutte me ‘mbìcce apposte apposte,
ce sà te pòzze fa na bella proposte.

Tènghe da dìsce però ca è ne belle mestìere,
mègghie de fa u zappatàure o u camarìere.

Annùsce u borderò, mò dammìue ‘mane,
te fazze fa nu affare, parole de zanzàne!