Lanàrde u facchìne

Una nuova "leggendaria" figura entra nella rubrica di Gerardo Strippoli.

Corato - venerdì 18 gennaio 2008
Lanàrde u facchìne
Lanàrde u facchìne © n.c.

Una delle figure che continuano ad aleggiare nel cielo coratino ed entrate ormai a far parte della leggenda è quella di "Lanàrde u facchìne".

Si tratta di un personaggio che sicuramente, per me, può entrare a far parte della schiera de "Le Zechelùne". Bisogna fare un salto indietro nel tempo, di almeno qurant'anni, quando Corato era un paese prettamente agricolo, con pochissime aziende e il lavoro scarseggiava.

Molti andavano via e quelli che restavano si adattavano a "scì fòre" o a "scì o Mèste". Chi aveva delle difficoltà si affidava al buon cuore di qualcuno: non esistevano strutture preposte al sostegno dei diversamente abili.

Lanàrde era uno di questi: un grande "bonaccione", costretto a vivere di stenti sin dalla nascita. Lui sapeva fare solo il facchino, ma lo faceva con grande garbo ed educazione; in silenzio come "ne ciùcce de fatìche" eseguiva il lavoro che gli veniva affidato.

Girava per il paese e trasportava di tutto: sacchi pesanti, grandi pacchi, borse della spesa, legna, "quartàre d'acque". Correva giù alla stazione, con la speranza che arrivassero "le Segnùre" con valige da trasportare.

Analfabeta e grande credulone, veniva spesso deriso dai buontemponi dell'epoca. Ricordava però con grande precisione i nomi, le ricorrenze, gli anniversari e persino le abitudini dei suoi benefattori: "Buongiòrne Don Catà, iòsce è u combleànne de Segnerì!!! Cìend'anne angòre!!" - "Uè Donna Marì, accàmme e iòsce te spesìeste!!".

Ed è a Lui che ho voluto dedicare questa poesia inedita a rima alternata.

Lanàrde, benvenuto tra "Le Zechelùne"!

Lanàrde

Spònde da ‘mbìzze o stramuràle
mèndre camìne a bambalàune,
se fèrme ne pìcche, s’appòggie a ne pàle,
appìcce arrète cùre mezzàune.
Accarrère ascènne abbàsce,
alla staziòne ava stà prònde,
mò ca la dì stè pe nàsce,
la ciucculatère mò-mò spònde.
Ce arrìve qualche segnùre da Milàne
se màine ‘nànde, le fàsce l’inghìne,
re ‘bàlìsce le lève da ‘màne,
ce pènze ìdde, Lanàrde u facchìne.
U accumbàgne fìnghe sàupe la pòrte,
se lève la còppue, salùte aggarbàte,
allònghe la màne pe re spàdde tòrte
mèndre cùre de lìre le dè na ciambàte.
Assecuàte u sedàure pu fazzuètte
vè addemannènne ci ‘ava carescià,
aggìre u paìse alla stòrte e alla rètte,
ògne càuse, a ciùcce, ìdde pòte pertà.
A ce le vòle ‘bène nàn ‘zù scòrde,
tène fìsse a ‘mènde u calendàrie,
tezzuàisce alla pòrte: “Ghì m’arrecòrde,
augùrie a Segnerì, bùone anniversàrie”.
Bòrze, scàtue, sàcche e quartàre,
a prìma matìne, mezzadì o sèra tàrde,
pe do segarètte, na bìrre, quàlche lìre,
addà vù tù te pòrte Lanàrde.