Conosciuto da molti e rispettato da pochi: Vengienze Bum

Omaggio di Mimmo Mazzilli ad un coratino conosciuto da molti e rispettato da pochi.

Corato - venerdì 21 dicembre 2007
Conosciuto da molti e rispettato da pochi: Vengienze Bum
Conosciuto da molti e rispettato da pochi: Vengienze Bum © n.c.
Con chiunque mi capita ricordare un simpatico personaggio coratino, non più tra noi, tutti lo rammentano come una persona debole, degna di rispetto, che andava aiutata, curata e seguita con amore.

Eppure è accaduto il contrario. Pochi lo hanno aiutato, parecchi si sono comportati come Ponzio Pilato, moltissimi lo hanno deriso, insultato e canzonato.

E pur vero che c’è contraddizione e ipocrisia in un simile comportamento, ma quanto meno evidenzia che chi ha sbagliato, sia pure in ritardo, se ne sia reso conto. Ciò induce a sperare che questa gente oggi educhi i propri figli al rispetto verso le persone in difficoltà e a fare quanto possibile per aiutarle.

Non credo sia necessario aggiungere altro, è chiaro di chi sto parlando, di Vengienze Bum nato a Corato forse nel 1935. e deceduto alla fine del secolo scorso. Non penso occorra approfondire la ricerca di notizie sulla sua persona, non solo perché la sua figura è ancora abbastanza conosciuta, ma anche perché, comunque fosse registrato all’anagrafe, qualunque fosse stata l’attività da lui svolta, dovunque avesse abitato, non ci diranno nulla in più del Personaggio.

Vengienze Bum era ed è unico. Nella poesia che segue, divenuta poi uno dei migliori brani del locale gruppo musicale Aquarata, sono delineati i suoi aspetti salienti e caratteristici.

A mio avviso ci vorrebbe qualcosa in più. Vengienze Bum andrebbe ricordato dai Coratini ed indicato come simbolo dei concittadini deboli e bisognosi di aiuto in modo da inculcare nelle giovani generazioni il rispetto e l’amore verso le persone con simili diversità.

Sicuramente sarà sepolto nel cimitero di Corato, ma dove? Chissà se un portafiori adorni la sua tomba o un lumino gli faccia compagnia. Potrebbe essere educativo da parte di qualche insegnante, dopo aver individuato la tomba, accompagnare i propri alunni a deporre un fiore. Coratolive certamente supporterà e seguirà con interesse una simile azione.

Ce nan u canesc-sciàie

Quanne mène tu aspettieve
’nnanze tu acchjeve,

u petieve acchjà a la condrore
ca se ne venàie da fore

all’a pède a rotte de cùodde
pe la zappa ’ngùodde

opure mezze o Stradone
abbàste-ca stàie confusione.

Tutte u canesc-sciàine
ma nan tenàie cumbagne,

chjù d’une u accemendàie
percè chjù dritte se credàie,

chidde chjù scurnacchjate
se pigghjàine la pezzecate,

velaine fà le ’nziste
èrene assalute ùomene senza Criste,

èrene picche chidde assennate
ca u trattàine aggarbate,

le uagnune u accemendàine
e appìerse candàine:

“Ta – ta - ta Bum”
quanne passàie Vengìenze Bum,

e ’mba Vengìenze
pèrdàie le sienze,

aggumenzàie a scappà
facènne l’arte ca le velàie angappà.


Mo securamende do Paravise
se stè a fà na rise,

dassuse av’ acchjate
le cumbagne aggarbate.

Nu nan ame fatte onore
se l’è viste u Signore.

“Forse o forse care ’mba Vengìenze
ereme nu chidde senza sienze ?”.
Altri articoli
Gli articoli più letti