U mamàune e u zechelàune

Di Gerardo Giuseppe Strippoli

Corato - venerdì 23 novembre 2007
U mamàune e u zechelàune
U mamàune e u zechelàune © n.c.
Ero ancora ragazzo quando molti anni fa sono stato costretto ad allontanarmi dalla nostra Corato, per motivi di lavoro. Mi ha sempre affascinato l’idea di “fermare”, per così dire, le immagini, le sensazioni, le emozioni di un momento, con carta e penna. Ma forse nello stesso istante in cui prendevo quel treno che mi conduceva lontano, è scattata in me la molla che mi ha portato a scrivere anche in vernacolo.

Dopo ormai tanto tempo, quella che era una semplice passione, dettata dalla nostalgia, si è trasformata in un vero e proprio impegno nel difendere le nostre radici, la nostra storia, le nostre tradizioni.

Bene ha fatto perciò la redazione di CoratoLive.it nel pensare a questa Rubrica, dedicata non a personaggi illustri della nostra città, ma a personaggi umili, dalla schietta ingenuità e, per questo, spesso oggetto di scherno e derisione.

Quanto male hanno ricevuto da noi “normali”! Eppure bastava avvicinare ognuno di loro, dire qualche parola di conforto o fare un piccolo gesto di amicizia nei loro confronti, che immediatamente il sorriso tornava sulle loro labbra.

Sì è vero, anche questi personaggi costituiscono la memoria storica del nostro paese che, come tanti altri paesi, ha dovuto “crescere” per scrollarsi di dosso anche episodi di gretta mentalità.

Tornando al termine da cui prende il titolo la rubrica, una delle cose che mi affascina maggiormente è quella di cercarne l’etimologia.

Andando un po’ a scovare nel dialetto “arcaico” del nostro paese e considerando anche le similitudini con altri paesi a noi vicini, il termine “zechelàune” deriverebbe dalla parola latina “soca” che significa “corda, fune”.

Il termine dialettale che ne deriva è “zòchele o zèchele”, tramutatosi in “zàuche”. Nel diminutivo si ha “zechelèdde, zecuèdde, zecuìdde” e nella forma accrescitiva “zecuàune, zechelàune”.

Quindi “zechelàune”, corda grossa e lunga, che in linguaggio figurato e allegorico sta ad indicare colui che la sa più lunga degli altri, l’uomo appunto scaltro e volpone.

Pensando ai personaggi della rubrica e alla loro esistenza, quando “le zechelùne” erano altri, prima ancora di descriverli, ho scritto delle riflessioni in rima che Vi propongo.

U mamàune e u zechelàune

Quànne sàupe la tèrre t’affàcce,
già de tìche stè na tràcce,
vìte sùbbete l’àrie ca tìre
accàmme fè u prìme respìre,
ce sìnde nàte pe la cammìse
o pe cuddètte se remàse appìse,
ce sìnde fìgghie de benestànde
oppure de qualche mendecànde.

Màne a màne ca po’ crìsce
te pùote scì tutte lìsce
o accummìenze a ciambecà
e ògne vòlte t’ad’arrambecà.
Stè ca ìesse zechelàune
o la vìte te fàsce mamàune.

U zechelàune tutte capisce,
a fà ògne càuse ìdde arrièsce.
Vè sèmbe ‘ngìre tutte ‘mbesemàte,
tìse-tìse, pàre ‘mbalzamàte.
‘Mèzze all’àlte è u chiù ‘nzìste,
u capemàzze, pròpie nu artiste.
Tène ‘zàtte-‘zàtte u atteggiamènde
de cùre ca se ne frèche de l’àlta ‘gènde,
t’acchiamènde da sàupe sòtte
e da tutte vòle u respètte.

U mamàune màine la vìta gràme,
quàse sèmbe patisce la fàme,
se vè ascunnènne tutte scandàte,
ìnde a ne candàune stè arreccuàte.
Vestùte assalùte pe quàtte stràzze,
sèmbe ‘ngùodde ne fredduàzze.
Nàn’è sciùte mànghe alla scòle
tutte u pìgghiene alla striòle,
tànde ca cùdde vòle sparèsce,
ammallìsce ci u è fàtte nàsce.

Stè però la màne de dì
ca u dubbie ne fàsce menì:
ognùne de nù s’av’addemannà,
prìme de dìsce o cundannà,
fìnghe a ce pùnde è zechelàune
o càmbe pròpie accàmme mamàune.
Altri articoli
Gli articoli più letti