La lengua madre

Una nuova poesia di Benedetto Leo

Benedetto Leo U' quaratìne pìcche a pìcche
Corato - venerdì 11 dicembre 2009
La lengua madre
La lengua madre © n.c.

L'autore di questa rubrica, il nostro amico Benedetto Leo, ci ha lasciati nel giugno scorso.

Ma il suo amore per Corato ha superato anche l'estremo confine. Così Benedetto ha lasciato ai suoi figli ancora tante delle sue poesie, pronte per essere pubblicate.

D'ora in poi saranno proprio Fabrizio, Francesco e Lucia ad inviarle, in nome e per conto di Benedetto. Noi continueremo fieri a pubblicarle, come se Benedetto fosse ancora con noi.

Ecco la poesia di questo mese, scelta dai figli di Benedetto Leo.

Ghi nan capìsce percè chiàmene “dialètte”
la prima lengua ca so parlàte in da la famìgghie
e ci è la prime, vedìte, ghi scummètte:
nan è la secònde e dunque nan è la fìgghie

e allòre ghi diche ca iè la lengua madre,
doppe chedde, iè venute, sine, l’italiane
ca forse du quaratìne iè ne pìcche padre
ma nu attàne putatìve, ca dè la mane

a l’àrabe, o francese,
o turche, o purtughese, all’esperante
e pure ca iè giargianese

ghi m’àcchie bbuone, m’abbrazze
e quànne scrive, m’appassiòne tande
ca, pe scernate ‘ndère, nan me làsse.

Altri articoli
Gli articoli più letti