Ogni tanto una buona notizia!

Corato si trova nella fascia di merito Buono tra i comuni virtuosi nell’azione di mitigazione del rischio incendi.

Aldo Fusaro Raggio verde
Corato - venerdì 11 luglio 2008
Ogni tanto una buona notizia!
Ogni tanto una buona notizia! © n.c.
Con questo appuntamento di Raggio Verde, si conclude la stagione 2007 - 2008, durante la quale ho cercato di approfondire alcune delle tematiche ambientali più rilevanti utilizzando come chiave di lettura gli stili di vita, che indubbiamente rappresentano oggi uno dei terreni principali dove si gioca la partita ambientale.

Ho intenzione quindi, di concludere con un buona notizia che ci viene data dall’Edizione 2008 di Ecosistema incendi” l’annuale rapporto che fotografa la situazione dei comuni italiani nella lotta agli incendi boschivi realizzata nell’ambito della campagna nazionale “Non scherzate col Fuoco” di Legambiente e Dipartimento della Protezione Civile, patrocinata dal Corpo Forestale dello Stato.

Relativamente alla questione incendi, sicuramente ricorderete i tragici eventi della scorsa estate il cui bilancio è stato di 23 morti, 26 feriti, abitazioni demolite, habitat e paesaggi distrutti, boschi e pascoli in cenere, 10.614 incendi, per lo più gravi e di grandi dimensioni, (5.643 nel 2006) che hanno bruciato una superficie di 225.563 ettari (39.941 nel 2006), di cui 115.242 boscati.

Tralasciando i dati relativi alla situazione nazionale e soffermandoci solo alla Puglia, dobbiamo registrare il peggioramento della situazione. Infatti nel quadriennio 2004-2007 il numero degli incendi boschivi è passato da 203 a 576 e gli ettari di superficie percorsi da fuoco da 1.766 a 18.028. Nel 2007 la provincia con più incendi è stata quella di Foggia con 188 seguita da quella di Bari con 169 e Taranto con 101. Mentre per quanto riguarda gli ettari di superficie percorsa dal fuoco nel 2007, prima è la provincia di Foggia con ha 9.591, seguita da quella di Bari con ha 5.444 e Taranto con ha 2.011. Aumenta il numero dei comuni interessati da incendi boschivi: 107, ossia il 42% dei comuni pugliesi. Nel 2007 i comuni con incendi in provincia di Foggia sono stati 41 mentre in provincia di Lecce sono stati 24.

I comuni presi in esame dal rapporto sono tutti quelli che hanno subito un incendio che ha interessato un ettaro di terreno. A queste amministrazioni comunali è stato inviato un questionario sulla cui base poi è stata redatta la classifica. Al questionario di richiesta dati hanno risposto in modo completo solo 39 comuni pugliesi su 122, comuni interessati. Dai dati emerge che il 77% dei comuni svolge un buon lavoro di mitigazione del rischio incendi boschivi attraverso attività di avvistamento e prevenzioni incendi, catasto delle aree percorse dal fuoco e campagne informative. Ottimo anche il lavoro del Corpo Forestale dello Stato che in Puglia nel 2007 ha effettuato 3.197 controlli sul territorio con 21 persone denunciate. Quest’anno nessun comune pugliese riceve la bandiera “Bosco Sicuro” assegnata a quelle amministrazioni che si sono distinte per la piena applicazione della legge 353/2000.

Andando a scorrere la classifica dei 39 Comuni divisi per fasce di merito Corato si trova nella fascia di merito Buono con un voto pari ad 8,5.


Infatti se da un lato dai dati risulta che nel 2007 Corato è stata interessata da ben 12 incendi per un totale di 280 ettari di territorio coinvolti, nello stesso tempo emerge una capacità di risposta rapida ed efficace che ci porta nei posti migliori della classifica, tra i comuni virtuosi nell’azione di mitigazione del rischio incendi.

Del resto è nel Sud e sulle isole che si registra il primato delle amministrazioni virtuose con il 56% dei comuni che svolgono complessivamente un lavoro positivo di prevenzione dei roghi. Il Nord Italia, con il 44% dei comuni meritori, viene superato anche dal Centro a quota 47%.

Si sa però che la maggior parte degli incendi è di origine dolosa e che è sempre di più necessario o fondamentale il ruolo di tutti noi nell’attività di controllo monitoraggio e prevenzione degli incendi.

Pertanto mi permetto di darvi solo alcuni consigli per segnalare correttamente un incendio (speriamo di non doverne fare uso).

Per prima cosa ovviamente chiamare il 1515 o il 115, a questo punto:

A) dare indicazione quanto più dettagliate possibili sul luogo dell’incendio;
B) segnalare l’intensità della colonna di fumo o se ci sono più fumi;
C) Segnalare se ci sono già squadre antincendio in azione;

Vi augurano buone vacanze!