Le testimonianze della produzione organaria di un tempo

Il video, che riprende l’articolo “Il patrimonio degli organi antichi a Corato”, mostra più da vicino la bellezza degli esemplari presenti nel nostro territorio.

Corato - venerdì 23 gennaio 2009
Le testimonianze della produzione organaria di un tempo
Le testimonianze della produzione organaria di un tempo © n.c.
Interessarsi alla conoscenza di un territorio richiede la curiosità e l’attenzione di riscoprire, analizzare ed apprezzare tutta quella varietà di beni che lo caratterizzano, anche quelli meno accattivanti o meno utilizzati.

Questo è proprio il caso di numerosi elementi dell’arredo liturgico di un edificio di culto, composto da quelli più evidenti come le pitture e le statue e da altri oggetti meno noti come i reliquiari, gli ex-voto e gli ostensori. Una tipologia particolare ed estremamente interessante dell’arredo presente all’interno delle nostre chiese è costituita dagli organi a canne.

Gli antichi organi delle chiese di Santa Maria del Carmine, di Santa Maria Greca, di San Benedetto sono una preziosa testimonianza della produzione organaria meridionale e del valore che la musica sacra ha avuto nelle celebrazioni dei secoli passati.

Il video, che riprende l’articolo “Il patrimonio degli organi antichi a Corato”, mostra più da vicino la bellezza degli esemplari presenti nel nostro territorio, in particolare quella degli organi della chiesa di Santa Maria del Carmine e di Santa Maria Greca.

Per l’organo presente nella chiesa di San Benedetto, possiamo mostrarvi solo delle fotografie recentemente scattate che mostrano lo stato di degrado in cui esso versa. Ci auguriamo che questo nostro ulteriore soffermarci sulle condizioni di quest’ultimo esemplare, possa servire a stimolare a recuperare il suo pregevole stato originario.
Altri articoli
Gli articoli più letti