La Biennale Internazionale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo quest’anno in Puglia

L’evento festeggia quest’anno la tredicesima edizione ed arriva nella nostra Regione dopo aver migrato, dal 1985, da Barcellona a Marsiglia, da Bologna a Valencia, da Lisbona a Roma.

Giuseppe Quercia e Benny Piarulli Libertà è partecipazione
Corato - venerdì 02 maggio 2008
La Biennale Internazionale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo quest’anno in Puglia
La Biennale Internazionale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo quest’anno in Puglia © n.c.

La Biennale Internazionale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo (http://www.bjcem.org ) quest’anno si tiene in Italia e precisamente in Puglia.

Probabilmente una delle più grandi vetrine al mondo della creatività giovanile, la Biennale sarà organizzata dalla Regione Puglia, in continuità con la scelta di investire sull’interculturalità, sulla vocazione mediterranea della nostra terra, sulla promozione dei giovani talenti.

Forse poco nota a chi non mastica arte quotidianamente, l’evento festeggia quest’anno la tredicesima edizione ed arriva nella nostra Regione dopo aver migrato, dal 1985, da Barcellona a Marsiglia, da Bologna a Valencia, da Lisbona a Roma, da da Saraievo ad Atene ed a Napoli.

Quel che ci preme di più sottolineare è la mission di questa iniziativa: parlare di arte senza barriere, senza schemi di sorta che possano essere confini geografici, dogmi o tabù. Parlare di arte come incontro di tradizioni ed esperienze, come multiculturalità che si esprime con note musicali o immagini, come rappresentazioni teatrali o installazioni multimediali.

In un periodo in cui riappaiono tetri i fantasmi della salvaguardia della razza camuffata da legittima esigenza di sicurezza (vedi Italia), in un periodo in cui riappare drammaticamente la censura delle idee diverse da quelle del regime (vedi Cina), in un periodo in cui l’individualismo e l’incomunicabilità prendono il sopravvento sulla socializzazione e sullo stare insieme senza interessi, ci sentiamo di consigliare fortemente una visita agli stand della Biennale d’arte che si terrà a Bari, di assistere a qualcuno dei concerti di buona musica e di contribuire alla comunicazione delle idee e delle speranze che questo evento vogliono trasferire a tutti noi. C'è una novità anche nel sistema di gestione della comunicazione dell'evento: esso sarà del tipo open source, oguno potrà avvicinarsi allo stand 150 della Fiera e contribuire nella forma che gli è più consona alla diffusione delle notizie attinenti la Biennale.

Una delle principali sigle protagoniste dell’organizzazione è l’Arci, a cui noi aderiamo con entusiasmo sin dal 1997. L’Arci di Bari ha contribuito al successo della Biennale sia quando essa si è tenuta in Italia sia quando gli stand sono stati montati in altre città europee. Per Sarajevo, ad esempio, si è spostata una massiccia delegazione di musicisti, artisti ed organizzatori da Bari e Lecce coordinati dalla rete no profit dell’Arci nazionale.

Alla Biennale di due anni fa, a Napoli, l’Arci “La Locomotiva” di Corato è riuscita a far partecipare un nostro concittadino, il regista Lorenzo Zitoli, che ha presentato un suo lavoro ben recensito dalla critica e visto in anteprima a Corato all'edizione di Spazi Percorsi tenuta nel Vecchio Carcere.

Il programma dell’edizione 2008 della Biennale europea è fitto di appuntamenti ed è scaricabile dal sito sopracitato (in lingua francese ed inglese) oppure dal sito internet http://www.eventi-puglia.com/

Sede delle iniziative musicali, teatrali e figurative sarà quasi esclusivamente la Fiera del Levante, con date dal 22 al 31 Maggio.

Altri articoli
Gli articoli più letti