La delusione

La delusione

Mimmo Mazzilli Citte citte ’mmezze alla chjazze
Corato - venerdì 21 marzo 2014
©

Me soche accattate la màchene bone
per farme vedàie atturne o stradone,

me la soche pigghjate ascure
a condrabbanne, senza fatture,

scarpe nove e custume du cusetore
ca na soche pagate ancore,

àie penzate pure o sculline
manghe ce avàie scì a ne festine.

Na soche abbadate a spese
percè avàje paràje ne marchese,

me soche levate chèssa frenesì
ca ce se nàune me venàie la pecundrì.

Stàie appeggiate a la tomobile
paràie proprie ne soprammobile,

quanne s’accustò ne creature,
me diebbe subbete l’ariature,

mo m’ava fa ’n cumblemènde,
già me sendàie cundende.

Cusse me squadrò finghe a la cime de le capidde
e decì arzidde arzidde:

“Cumbà, cumbà accamme site elegande
parite proprie cudde ca porte la màchene du Cambesande”.

Traduzione

La delusione

Ho acquistato un’automobilona / per farmi ammirare sullo Stradone, / l’ho comprata oscura / a contrabbando senza fattura, / scarpe nuove ed abito del provetto cucitor / che non ho pagato ancor, / ho pensato anche al cravattino / nemmeno dovessi andare ad un festino.

No ho badato a spese / dovevo sembrare un marchese, / mi son tolto questa soddisfazione / che era oramai un’ossessione.
Stavo appoggiato all’automobile / sembravo proprio un soprammobile, / tutto d’un tratto un bambino iniziò a curiosare, / mi misi subito a posare, / m’aspettavo un complimento, / già mi sentivo contento.

Mi squadrò dai piedi in cima / e disse con aria birichina: / “Caro compare come siete elegante e ben in vista, / sembrate proprio del carro funebre l’autista”.

Altri articoli
Gli articoli più letti