Mimmo Mazzilli Citte citte ’mmezze alla chjazze Leggi tutti gli articoli

La Rubrica

Questa rubrica raccoglie alcune mie poesie in vernacolo.

In realtà sono versi in dialetto coratino a rima baciata, spesso con termini oramai in disuso, che prendono spunto da varie situazioni, il più delle volte comiche o comunque buffe ed affrontano, a volte in maniera ironica, temi sui quali, a mio avviso, dovremmo riflettere un po’ di più.

Chissà se partendo da argomenti poco impegnativi, esposti in vernacolo, si possano trarre più facilmente e con maggiore disponibilità, considerazioni serie che ci aiutino a crescere ed a rinnovarci.

L'Autore

Mimmo Mazzilli, laureato nel 1975 in Economia e Commercio presso l’Università di Bari, ex Responsabile dell’Ufficio Stampa di Poste Italiane per Puglia Basilicata e Molise, ora in pensione.

Ha pubblicato due libretti di poesie, scritto e rappresentato quattro commedia in vernacolo (Ce ne l’ama scì, sciammanninne, ce nan ne l’ama scì, nan ne le sime scenne. – Vicine e naune inde – Nan dà rette a suonne – Passate la feste gabbate u Sande ) e alcuni testi di canzoni tra cui: Ce nan u canesciàie (dedicato ad un coratino conosciuto da tutti ma rispettato da pochi ) e U Carnevale Quaratine ( inno del Carnevale Coratino) Viende de guerre, Piripicchio (Premio Piripicchio Città di Bitonto 2010), e La spese nan vale la ’mbresa, (vincitore dell’edizione 2008 della Musica delle Aie)

Quest’ultimo brano è entrato a far parte della compilation musicale “Aie d’Italia” che raccoglie anche brani del calibro di Teresa De Sio, Davide Van De Sfross e Mau Mau.

Gli ultimi articoli di Mimmo MazzilliVedi tutti

U Fescetizze

venerdì 17 ottobre 2014
Il logorio della vita moderna: la fretta

U fatte de Zanghètte

venerdì 10 ottobre 2014
Il cambiare strada in qualsiasi campo, presenta delle incognite. Conviene prima informarsi bene, in modo da evitare, nel limite del possibile, cattive sorprese

U Pendite

venerdì 3 ottobre 2014
Piano piano i nostri sentimenti si affievoliscono, diventiamo di latta, come degli automi. Impariamo a saper ascoltare il nostro cuore, godiamo della vita e soprattutto delle piccole gioie

U Zefecuse

venerdì 26 settembre 2014
Nel dialetto coratino vi sono molte parole che terminano in “use”. Mi sono divertito a metterne alcune insieme, tentando di ottenere una filastrocca con un minimo di senso compiuto
Altri articoli
Gli articoli più letti