Francesco Stolfa Il Cor(ro)sivo Leggi tutti gli articoli

La Rubrica

Abbasso i “musoni” (o come si chiamano in dialetto coratino).

Se vi capita di frequentare, fuori città, un ufficio o un qualsiasi altro posto in cui più persone operano insieme, vi accorgete subito della presenza di Coratini perché sono i più spiritosi, i più salaci, i più corrosivi. È risaputo che se due Coratini “prendono in mezzo” un forestiero lo fanno martire con le loro battute, punzecchiature, sfottò. Il sense of humor dei coratini, le loro ironia e autoironia, sono virtù riconosciute nel circondario e anche più lontano e rappresentano spesso un vero e proprio asso nella manica alla base del proverbiale appeal dei nostri concittadini con le donne (si sa quanto queste amino chi le sa far ridere). Non è però una prerogativa maschile: lo stesso accade, a parti invertite, anche alle donne.

Ma come spesso succede, in generale, a noi Italiani, i nostri lati migliori emergono solo lontano da casa. Qui a Corato, invece, che desolazione! Sia in politica che, più in generale, nelle relazioni sociali solo discorsi seri e barbosi e soprattutto una grande capacità di arragarsi al minimo contrasto di opinioni.

Ma che diamine! Lasciamoci un po’ andare. Facciamoci una risata ogni tanto, magari una risata amara ma comunque liberatoria. Sdrammatizziamo un po’ i discorsi sulla disperante statura (politica?) del Sindaco, sulle scuole sempre a corto (e dalli) di aule, sulla festa patronale in stile tardo-medievale, sulle innovative candidature politiche dei soliti fin troppo noti (brutti come il debito, tra l’altro), sul piano regolatore scomparso, ecc. ecc.. Lanciamo qualche sasso nello stagno di questa stantia palude culturale che sta diventando la nostra Città, liberiamo la naturale carica ironica di noi Coratini. Chissà che non si riesca persino a suscitare, ogni tanto, anche qualche corrosivo battibecco sulle eleganti ali della satira (politica e di costume).

In questa rubrica di sassi ne lanceremo uno alla volta e … povero chi capita.

L'Autore

Francesco Stolfa vive e lavora da sempre a Corato (è nato ad Andria una ...ntina di anni fa solo perchè lì c'era l'unica clinica convenzionata con l'ente di previdenza dei suoi genitori). Esercita una delle professioni più seriose, quella di Avvocato, che ogni giorno lo porta a litigare con qualcuno.

Nella sua vita, inoltre, ha scritto molte cose che non fanno ridere per niente. Forse proprio per questo ha ora sentito il bisogno di sfogare il suo humor innato e represso nella satira (politica e di costume) che da sempre costituisce una delle sue passioni. CoratoLive.it, in modo del tutto inconsulto, gli ha offerto la possibilità di pubblicare queste realizzazioni

Gli ultimi articoli di Francesco StolfaVedi tutti

Saggezza popolare

venerdì 14 giugno 2013
Due vecchietti discutono di politica...

Le solite difficoltà nei passaggi generazionali

venerdì 10 maggio 2013
In politica, finalmente, ti sei deciso a lasciare spazio a qualcuno...

Caputo candidato sindaco, reazione esplosiva del Cantiere di Bucci

venerdì 12 aprile 2013
Caputo candidato sindaco, reazione esplosiva del Cantiere di Bucci

Nuova Topolinia o Grillinia?

venerdì 15 marzo 2013
L'istantanea del Cor(ro)sivo
Altri articoli
Gli articoli più letti