​Originariamente ambientato negli anni ‘80, il testo è stato trasposto nel 2008: è l’anno in cui la crisi economica globale si è abbattuta sull’Europa segnando profondamente la società italiana

Il poker della vita, quando a vincere è l’inganno

Ieri al Comunale uno spettacolo in grado di restituire una fotografia della società tanto amara quanto nitida. I rapporti veri troppo spesso lasciano spazio al desiderio di denaro

Spettacolo
Corato lunedì 05 febbraio 2018
di La Redazione
"Regalo di Natale", in scena la società del poker © CoratoLive.it

Del fatto che giocare a carte possa significare correre qualche rischio di troppo non se ne fa mistero. Eppure, quando a ricordarlo è una commedia teatrale nata uno dei più bei film di Pupi Avati, forse si è portati a riflettere ancora di più.

Così è stato ieri al Comunale, al termine della “mano” costata a Franco un bel po’ di quattrini. Lui è uno dei cinque protagonisti dello spettacolo, forse anche il più “buono”. Arriva da Genova, gestisce un cinema a Milano è - fra tutti i suoi amici - il più ricco.

La vita - almeno fino a quel momento - gli ha dato ragione sul tavolo verde ma gli ha anche fatto un brutto scherzo. Ugo, uno dei suoi tre amici, gli ha rubato la moglie: pur non avendola mai amata, ha avuto una storia con lei di quattro mesi. Una circostanza che ha portato Franco a non avere più nessuna stima di lui.

Oltre al desiderio di giocare una partita a poker, in origine amichevole, lo spettacolo mette in campo il bilancio della vita di ognuno dei personaggi tra fallimenti, sconfitte, tradimenti, menzogne ed inganni.

Al tavolo da gioco organizzato per la sera di Natale siedono Lele, Ugo, Stefano e Franco. A loro si aggiunge l’avvocato Santelia, un ricco industriale contattato da Ugo per prendere parte alla partita. A prestare loro il volto Gigio Alberti, Filippo Dini, Giovanni Esposiito, Valerio Santoro, Gennaro Di Biase: interessanti attori scelti dalla produzione, "La Pirandelliana".

Originariamente ambientato negli anni ‘80, il testo è stato trasposto nel 2008: è l’anno in cui la crisi economica globale si è abbattuta sull’Europa segnando profondamente la società italiana.

In risposta a recessione e precariato, il gioco d’azzardo in quegli anni vive una stagione di repentina ascesa, e - dalle slot che affollano i bar e al boom del poker texano - si moltiplicano i luoghi e le modalità in cui viene praticato.

La fotografia che lo spettacolo consegna è tanto amara quanto nitida. I rapporti veri, basati sull’amicizia e sulla lealtà - almeno in certi casi - lasciano spazio al desiderio di denaro. Il regalo, a Natale, non è più il segno del Bene: nel migliore dei casi è solo un bene. E del resto Franco è l’unico che a cena arriva portando con se un presente, una bottiglia di vino da condividere.

Lascia il tuo commento
commenti