Un progetto nato per "unire sapere e saper fare, orientare le aspirazioni degli studenti e aprire didattica e apprendimento all'esterno"

Alternanza scuola lavoro, Forza Vitale accoglie gli studenti

Otto in totale gli studenti coinvolti negli stage (alcuni già conclusi), quattro dell’Oriani e quattro del Tedone

Corato venerdì 17 marzo 2017
di La Redazione
Alternanza scuola lavoro, Forza Vitale accoglie gli studenti © n.c.

Un'opportunità per gli studenti per creare positive contaminazioni tra istituzione scolastica e aziende, acquisire nuove competenze e approfondire le regole e le tante possibilità di crescita personale e culturale offerte dal cosiddetto “mercato" (non sempre conosciute dal mondo della formazione). Un’occasione (chissà) per sfatare dunque al contempo, qualche luogo comune sul comparto delle imprese, pubbliche e soprattutto private. 

Sono questi gli obiettivi principali del progetto "alternanza scuola lavoro" nato per "unire sapere e saper fare, orientare le aspirazioni degli studenti e aprire didattica e apprendimento all'esterno" come riportato e auspicato (viste le critiche all’iniziativa e alcune precedenti esperienze non sempre esaltanti) nell'apposita sezione del sito web del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

Forza Vitale, azienda coratina specializzata nella produzione e nella commercializzazione di integratori alimentari a base di piante officinali, ha aderito quest'anno all'iniziativa ministeriale rispondendo favorevolmente alle istanze di due istituti superiori del territorio che l'hanno selezionata tra le imprese in linea con le tematiche oggetto dei progetti 2017 (il mondo delle piante e le strategie di sviluppo aziendale): il liceo classico "Oriani" di Corato e il liceo scientifico e lingustico "Tedone" di Ruvo di Puglia. 

Forza Vitale è tra l'altro da sempre aperta all'innovazione e alla formazione, vantando importanti partnership nell'ambito della ricerca applicata e degli stage con le Università di Bari, Catania e Camerino.

Otto in totale gli studenti coinvolti negli stage (alcuni già conclusi), quattro dell’Oriani e quattro del Tedone. A guidarli in qualità di tutor aziendale, Antonio Salerno, biologo e responsabile controllo e qualità del laboratorio erboristico pugliese.  Tre invece i progetti, tutti dal titolo eloquente: "Il benessere della natura", "Job around medicinal plants" e "Paesaggio, ambiente e territorio".

«Gli studenti - ha dichiarato Salerno - si sono fin qui impegnati proficuamente nelle normali attività dell'azienda, assistendomi ad esempio in laboratorio durante le quotidiane analisi microbiologiche e chimico fisiche o nelle fasi di estrazione dei principi attivi dalle piante officinali.

Ritengo - ha concluso - che questo tipo di esperienze abbiano sempre un duplice vantaggio: le aziende possono far conoscere il proprio lavoro all’esterno e sperare di coltivare futuri esperti del settore; gli studenti possono arricchire il loro bagaglio culturale chiarendo, si spera, inclinazioni e aspirazioni specie nel caso di scelta della facoltà universitaria». 

Oltre alle attività in laboratorio, alcune ore degli stage saranno riservate all'approfondimento delle strategie di marketing dell'azienda in ambito internazionale sotto la supervisione di Vito Cannillo, amministratore di Forza Vitale e responsabile progetti di sviluppo all'estero.

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette