Quasi tre ore di preliminari sulle diatribe politiche interne alla maggioranza, di «cosette» per usare il termine scelto dal consigliere Angelo Amorese. E poi è bastata mezz’ora per approvare all’unanimità i due punti all’odg

Nella maggioranza «non va tutto bene»

Caputo chiede ancora le dimissioni di Salerno «o presenterò una mozione di sfiducia». Sindaco: «Venerdì scorso assenti per non rischiare di non vedere approvati i punti all'odg». E la minoranza abbandona l'aula prima del voto

Politica
Corato martedì 10 luglio 2018
di La Redazione
Consiglio comunale
Consiglio comunale © CoratoLive.it

La seduta di consiglio di ieri pomeriggio si è aperta, “solo” mezz’ora dopo l'orario previsto (ecco il video integrale), con 18 presenti. Si è chiusa poco prima delle 22.30, con i banchi della minoranza deserti.

Quasi tre ore di preliminari sulle diatribe politiche interne alla maggioranza, di «cosette», per usare il termine scelto dal consigliere Angelo Amorese. Poi è bastata mezz’ora per approvare all’unanimità i due punti all’ordine del giorno: l’utilizzo delle quote del risultato di amministrazione accertato a rendiconto della gestione 2017 e le conseguenti variazioni di bilancio ma anche all'integrazione del Programma triennale dei lavori pubblici 2018/2020.

Ancora una volta il consigliere Franco Caputo ha chiesto le dimissioni del presidente Ignazio Salerno: «non presentandosi venerdì per la prima convocazione (annullata per mancanza del numero legale, ndr) ha legittimamente dichiarato di appartenere al gruppo consiliare (Noi con l’Italia, ndr) e, quindi, l’impossibilità di garantire imparzialità in quest’aula. Perciò lasci l’incarico istituzionale e dia di più al suo gruppo. Se non si dimette mi costringe a raccogliere le firme per la mozione di sfiducia». Concorde anche Tommaso Loidoice: «una chiamata di Salerno ai capigruppo oltre che a Caputo, che avrebbe dovuto sostituirlo, sarebbe stata opportuna: su questi banchi siedono persone e non bestie».

«Non riesco a vedere in lui la figura del presidente - ha ribadito Loizzo - Lei, consigliere Salerno, utilizza spesso il telefono per comunicarci eventi funesti. Avrebbe potuto fare lo stesso venerdì».

«Ero a Bari per questioni personali e avevo avvisato il sindaco. Pensavo di risolvere così» ha risposto Salerno. «Mi assumo la responsabilità di questo errore, di questa grave carenza di forma - ha detto il primo cittadino - Non ho informato dell’assenza del presidente Salerno che, alle 18.24 di venerdì, mi ha annunciato di essere rimasto impossibilitato a presiedere l’assemblea».

Una «ennesima farsa» secondo Valeria Mazzone. «Io non sono nessuno per mettere in dubbio le necessità di un presidente, è chiaro che possano sorgere anche all’improvviso - ha aggiunto - Non sono nessuno per dubitare che lo abbia detto al sindaco. Qui però sono saltati tutti gli schemi. Loro la politica la fanno fuori da quest’aula, senza rispetto. Il sindaco - nel suo post su facebook - le scuse le ha rivolte solo ai due consiglieri di maggioranza (Franco Caputo e Cataldo Mazzilli, ndr). E a tutti gli altri? Dirigenti compresi».

«Di maggioranza? Non lo so» ha fatto eco giustamente Loiodice, se si tiene a mente che Cataldo Mazzilli ha dichiarato di aver preso parte alla riunione con i consiglieri di centrodestra «solo come uditore, per capire come stessero le cose» e Caputo è da tempo nel gruppo misto.

Ed è sempre la Mazzone ad aver posto, senza mezzi termini, le domande a cui tutti volevano risposte: «quale è stato il problema per cui non vi siete presentati venerdì? È vero che è un atto di protesta? Si dice in giro che non si trovi l’accordo sulle nomine di sottogoverno di Asipu e Sixt. È vero che invece di servire la città stavate a litigare come bambini? O mi può smentire? Lei, sindaco, richiama noi consiglieri di minoranza alla responsabilità di votare i punti e poi non viene in aula. Aveva il dovere di presentarsi e dire le cose per quelle che sono».

E la risposta del sindaco riporta l’attenzione sui numeri.

«Venerdì non ho voluto correre il rischio di non vedere approvati i due punti all’ordine del giorno» ha detto Massimo Mazzilli. Ed essendo state tirate in ballo le due municipalizzate, argomenta: «per entrambe sono a scadenza gli organi direttivi. La legge Madia dice che, tramite delibera motivata ed auspicando un risparmio economico, si può ancora optare per un consiglio di amministrazione invece che un amministratore unico. Dire che ne stiamo discutendo è un conto, dire che questo è il motivo del dissidio per cui non ci mettiamo d’accordo è tutt’altro. Parlare di un tema non significa essersi accapigliati».

«Queste cose accadono quando la maggioranza è risicata e non c’è la condivisione su tutti i temi» ha esordito Pomodoro, capogruppo di Noi con l’Italia. E ha ammesso anche che «non va tutto bene. Una maggioranza a 13 impone dei limiti. Basta che uno di noi non ci sia per non poter venire in consiglio: non si può dipendere dai malumori di Caputo che da tempo ha due obiettivi, le dimissioni di Salerno e Noi con l’Italia.

Oggi non è stato ancora raggiunto un punto di equilibrio: il dato statistico è che venerdì erano assenti tutti i consiglieri della maggioranza. Il sindaco si è dovuto barcamenare in questa situazione. Anche lui deve darsi una regolata, deve aprirsi al confronto con tutti. È bene che ascolti e non pensi che qualcuno gli voglia fare le scarpe. Noi abbiamo dimostrato di voler arrivare al traguardo finale per parlare del futuro. Pur di mantenere la maggioranza abbiamo rinunciato al nostro assessorato».

Una prima differenza è ormai palese: per Noi con l’Italia Franco Caputo e Cataldo Mazzilli non fanno parte della maggioranza. Per il sindaco sì. Intanto entrambi hanno votato «a favore i due punti all’ordine del giorno nell’interesse della città», come ha detto - e fatto - anche Fabrizio Ventura.

«Non ci crede nessuno a questa favoletta» ha replicato Loiodice prima di comunicare che insieme al suo gruppo, e poi a tutta la minoranza, avrebbe lasciato l’aula. «Quelle per le municipalizzate - ha aggiunto - sono scelte di importanza strategica in cui non potete tener conto delle minoranze, come di Cataldo Mazzilli e di Franco Caputo. Ancora una volta ve la volete giocare nelle vostre stanze. Il sindaco ci ha preso in giro, ha voluto dare una giustificazione per far passare per vittima l’amministrazione locale».

In linea anche Caputo: «a chi lo dobbiamo raccontare che Salerno ha avvisato alle 18.24? Alle 18 lo sapeva tutto il corridoio che la maggioranza non sarebbe venuta. Il discorso di Pomodoro è diverso da quello del sindaco.

Avete rotto il centrodestra (rivolgendosi a Noi con l’Italia, ndr). Adesso giustamente, volete, rifarlo. Andate rincorrendo le pecore che sono scappate. In maniera legittima state pensando al futuro, è logico. Ma così si condiziona il sindaco. Se volete dare un appoggio esterno fatelo come me, senza chiedere niente. Ho mai messo in dubbio l’appoggio al sindaco? Dovete spiegare perché è andato via il Movimento Schittulli, perché Roselli - non Forza Italia - passa dall’opposizione alla maggioranza: lo diremo tra qualche giorno. Adesso il sindaco dovrà azzerare le municipalizzate così come avete detto voi ma, secondo me, sbagliando».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Amedeo Strippoli ha scritto il 12 luglio 2018 alle 09:42 :

    Una domanda banale, ma a qualcuno dei Signori citati nell'articolo gli interessi della Città stanno a cuore? Non voglio pensare che tutto questo bailamme viene fatto solo per interessi personali e/o di partito. Scusatemi per la frase poco erudita, ma mi sembra veramente il gioco delle tre carte. Rispondi a Amedeo Strippoli

  • Don lurio ha scritto il 10 luglio 2018 alle 22:53 :

    Cosette?Cosette? Ma vi renodete tutti quanti dello spettacolo e della immagine che state fornendo dell' istituzione che indegnamente rappresentate? Ripicche, insulti, dietrologie, attacchi personali, dispetti infantili, ecc. Non è più politica questa. È una farsa indecorosa e umiliante prima per Corato e poi per voi autoreferenziali e decadenti personaggi. ....E le chiama cosette.. Rispondi a Don lurio