La lettera

Ospedale Nord Barese, Gemmato a Emiliano: «Si riprenda il processo di partecipazione»

«La comunicazione - informano dal Palazzo di Città terlizzese - è stata inviata venerdì 13 aprile presso l’ufficio di presidenza della Regione Puglia»

Politica
Corato lunedì 16 aprile 2018
di La Redazione
la manifestazione pro sarcone
la manifestazione pro sarcone © n. c.

«Caro presidente Emiliano, le chiedo la disponibilità a incontrare una delegazione del Consiglio comunale di Terlizzi al fine di chiarire criteri, procedure e risorse finanziarie che la Regione Puglia intende mettere in campo a fine di dotare il territorio del Nord Barese di un presidio unico di primo livello».

Queste la parole con cui il sindaco di Terlizzi Ninni Gemmato ha iniziato la missiva indirizzata al presidente della Regione Puglia Emiliano, sollecitato ancora una volta a riprendere «un percorso di partecipazione e condivisione delle scelte» riguardanti l’offerta di salute su un territorio ampio come quello che riguarda l’intero Nord Barese (Corato, Molfetta, Terlizzi, Ruvo, Giovinazzo). La lettera - informano da Palazzo di Città - è stata inviata venerdì 13 aprile presso l’ufficio di presidenza della Regione Puglia.

A ottobre del 2016 il presidente Michele Emiliano sottoscrisse, insieme con i rappresentanti degli operatori sanitari, la cosiddetta «Carta di Ruvo», concordando sul «fatto incontestabile che un’area di 200 mila abitanti, con un territorio otto volte superiore a quello di Bari e molto più complesso orogeograficamente, dall’Alta Murgia al Mare, NON possa rimanere privo di un Presidio Sanitario completo ed efficiente, raffigurabile nella figura di un Ospedale di Primo Livello secondo il Piano di riordino regionale, all’interno del proprio territorio». Nello stesso documento, lo stesso presidente Emiliano indicava la soluzione di un «ampliamento/riconversione di uno dei plessi esistenti» delegando «alla Regione Puglia la relativa scelta in tempi brevi».

Nei mesi scorsi il sindaco di Terlizzi ha a più riprese chiesto a Emiliano un confronto con il Consiglio comunale terlizzese per fare il punto della situazione a un anno e mezzo da quel documento, senza mai tuttavia ricevere alcun riscontro. La questione della riconversione dei punti di pronto intervento in tutta la Puglia, emersa la settimana scorsa, insieme all’imminente attuazione del piano di riordino ospedaliero regionale, ha riproposto la necessità di definire il futuro della sanità in un territorio che conta circa 200 mila abitanti e che non può contare su servizi essenziali come per esempio l’Unità di Terapia Intensiva Coronarica.

Lascia il tuo commento
commenti