Si chiude con un atto di transazione l'intricata vicenda relativa alla ex sede della scuola “Madonna Pellegrina” ubicata in via Santa Lucia

Ex sede “Madonna Pellegrina”, il Comune pagherà 32mila euro per chiudere il contenzioso

Il Comune ha formalmente accettato la proposta formulata dell’associazione civile “Comunità dei braccianti”, proprietaria dell’edificio, per concludere il contenzioso e risolvere il contratto di locazione

Politica
Corato venerdì 02 febbraio 2018
di La Redazione
Scuola “Madonna Pellegrina”
Scuola “Madonna Pellegrina” © n.c.

Si chiude con un atto di transazione l'intricata vicenda relativa alla ex sede della scuola “Madonna Pellegrina” ubicata in via Santa Lucia.

Il Comune ha infatti formalmente accettato la proposta formulata dell’associazione civile “Comunità dei braccianti” proprietaria dell’edificio: per concludere definitivamente il contenzioso pendente e risolvere il contratto di locazione che sarebbe naturalmente scaduto il 31 agosto 2019, l'ente comunale pagherà alla Comunità circa 31.600 euro.

La vicenda
Da anni il Comune aveva stipulato un contratto d'affitto con la "Comunità braccianti” per destinare i locali di via Santa Lucia a sede della scuola. La scadenza prevista era fissata al 31 agosto 2019.

Nel gennaio 2017, però, il Comune comunicò alla proprietà «l’avvenuta “disdetta” del contratto di locazione» ritenendosi «libero contrattualmente dal 31/8/2017», quindi due anni prima del previsto. «Con questa scelta, sebbene difficile - affermò il sindaco Mazzilli in sede di commissione pubblica istruzione - intendiamo utilizzare gli spazi di proprietà comunale attualmente vuoti per risparmiare i fondi prima destinati ai canoni di locazione».

Il presidente generale della Comunità, Giuseppe Scaringella, manifestò subito «il proprio diniego» al recesso dal contratto, non riscontrando «i motivi fondanti la richiesta» ed evidenziando anche «che il contratto di locazione vigente non prevedeva la possibilità di richiesta di recesso unilaterale».

La questione approdò anche in consiglio comunale dove, nel giugno scorso, con 9 voti favorevoli, 12 contrari e un astenuto venne bocciata la mozione presentata da consiglieri di “Un cantiere in Comune” e “Io e Renato” con cui si proponeva all’amministrazione di annullare «gli atti relativi al recesso dal contratto di locazione per il plesso “Madonna Pellegrina”».

Il contenzioso
Dopo un primo incontro terminato senza alcun accordo tra le parti, a dicembre la “Comunità dei Braccianti” ha notificato al Comune un decreto ingiuntivo con il quale ha richiesto al giudice l’ingiunzione di pagamento della somma di 29.399,29 euro quale canone di affitto non corrisposto relativo al periodo 1° settembre 2017-28 febbraio. Poi è arrivata la proposta transattivo-conciliativa della “Comunità dei Braccianti” che, per chiudere la questione, ha chiesto il pagamento di tutte le somme individuate dal decreto stesso.

Il Comune ha quindi accolto la proposta - si legge nella delibera di giunta - perché «pur sussistendo le ragioni del Comune di Corato, basate sui principi di economicità, efficienza e funzionalità, gli orientamenti giurisprudenziali sono controversi in materia di risoluzione anticipata dei contratti locatizi e, pertanto, risultano, comunque, probabilità di soccombenza in capo all’Ente». In più «la somma richiesta di 29.399,29 euro, a tacitazione di ogni altra pretesa e con risoluzione definitiva del rapporto locatizio, è riferita a soli sei mesi di rapporto locatizio, a fronte di due anni ancora a svolgersi, pari a 117.597,16».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Gilda ha scritto il 02 febbraio 2018 alle 21:09 :

    Bravo sindaco,vuoi un applauso ? Rispondi a Gilda