La nota

L'Aic sulla crisi: «Congedare l'amministrazione non comporterebbe vantaggi per la città»

Lettera aperta degli imprenditori coratini. Tra due giorni scade il termine di venti giorni entro il quale il sindaco può ritirare le dimissioni presentate il 12 gennaio scorso

Politica
Corato martedì 30 gennaio 2018
di La Redazione
Il Comune di Corato
Il Comune di Corato © CoratoLive.it

«Congedare in questo momento l’attuale Amministrazione non comporterebbe alcun vantaggio per la nostra amata Corato».

A parlare è l'Aic, associazione imprenditori coratini, che in una lettera aperta ha rivolto «un appello a tutte le forze politiche presenti in Consiglio Comunale affinché nelle loro azioni e decisioni tengano presente solo l'interesse della cittadinanza, evitando rancori reciproci, sfide personali e calcoli politico-elettorali, soprattutto se legati a interessi particolari».

Il dilemma sulla prosecuzione del mandato da parte dell'amministrazione Mazzilli verrà in ogni caso sciolto a breve. Tra due giorni scade infatti il termine di venti giorni entro il quale il sindaco può ritirare le dimissioni presentate il 12 gennaio scorso.

Al momento la situazione sembra propendere per il ritiro delle dimissioni, con una maggioranza numerica in grado di portare l'amministrazione fino alla scadenza naturale del 2019. Ma le prossime ore saranno decisive.

Di seguito la nota integrale dell'Aic.

«Negli ultimi mesi si è determinata a Corato una crisi politica caratterizzata da risvolti non prevedibili e tali da rendere incerto il futuro amministrativo della città. Il mondo produttivo tutto, sorpreso e preoccupato, è ovviamente molto interessato a capire quanto sta succedendo anche al fine di avere certezza di riferimenti istituzionali.

L’Associazione Imprenditori Coratini, da sempre molto sensibile a quanto avviene nella sfera pubblica, anche al fine di poter al meglio collaborare con le istituzioni, esprime la sua preoccupazione per il quadro di incertezza che si è determinato negli ultimi mesi e che potrebbe perdurare sine die.

L'A.I.C., in questo particolare momento intende ricordare come a fronte delle numerose istanze presentate nell'interesse dell'imprenditoria in genere, non ha mai riscontrato una grande disponibilità da parte Amministrazione comunale ad accogliere e risolvere alcuna propria richiesta, ma che ciononostante ha giudicato positivamente alcuni interventi nelle zone produttive;

L’A.I.C. ha infatti espresso il proprio plauso per gli interventi realizzati di recente nella zona di P.R.G. denominata D1B (zona compresa tra via Castel del Monte e via Sant'Elia) dove allo stato delle cose non manca ormai alcunché delle infrastrutture pubbliche necessarie: totale rifacimento della bitumazione stradale, fogna nera e bianca, rete acqua potabile, illuminazione a led, rete in fibra ottica ad alta velocità per telefonia e trasmissione dati.

Apprezzato ciò, l’A.I.C. ritiene che tutta la Zona Industriale debba essere allo stesso modo organizzata, senza le eclatanti e ingiuste differenze infrastrutturali finora registrate. E in tale ottica fu dalla stessa avanzata la proposta, purtroppo rimasta lettera morta, di utilizzare i 3 milioni di euro, ottenuti con finanziamento regionale, per realizzare un intervento che andasse a beneficio di tutta la Z.I. (per esempio rete di fogna bianca o illuminazione a led su tutta la zona).

In considerazione di quanto sopra premesso, anche per per sgombrare il campo da qualsiasi interpretazione fuorviante, con il presente comunicato l’A.I.C. rivolge un appello a tutte le forze politiche presenti in Consiglio Comunale affinché nelle loro azioni e decisioni tengano presente solo l'interesse della cittadinanza, evitando rancori reciproci, sfide personali e calcoli politico-elettorali, soprattutto se legati a interessi particolari.

L’A.I.C. responsabilmente ritiene che congedare in questo momento l’attuale Amministrazione non comporterebbe alcun vantaggio per la nostra amata Corato, ché anzi avrebbe l’effetto di sospendere la conclusione di iter amministrativi attesi da diversi anni, in primis il Piano Urbanistico Generale, strumento di pianificazione importantissimo per lo sviluppo della città.

In conclusione, l’A.I.C. esprime l’auspicio che, in modo trasparente e nelle sedi istituzionali, ci si adoperi tutti per evitare una crisi amministrativa e la conseguente conclusione anticipata della consiliatura, confidando per questo anche in un maggiore coinvolgimento di tutto il mondo produttivo».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Amedeo Strippoli ha scritto il 31 gennaio 2018 alle 11:40 :

    Illustrissimo Sig./Sig.ra La Verità in un contesto democratico è legittimo che una Associazione di imprenditori guardi hai propri interessi e che auspichi il miglioramento infrastrutturale della Z.I. della città in cui opera. Sicuramente tutto ciò gli porterà dei vantaggi, ma vorrei farLe notare che il miglioramento suddetto è da considerare, comunque, un bene comune e potrebbe far nascere anche l’interesse, per la collocazione di altre attività industriali/commerciali, da parte di imprenditori esterni, portando, magari, un incremento occupazionale e un migliore sviluppo economico della Città. Poi, a mio modesto parere, l'amministrazione prefettizia per una città è sempre un evento negativo e non porta vantaggi di nessuna natura, ma solo discredito. Cordialmente Rispondi a Amedeo Strippoli

  • La Verità ha scritto il 31 gennaio 2018 alle 07:58 :

    Basta, dite tutto ed il contrario , sappiate che i vostri interessi non sono quelli dei coratini . "L'A.I.C., in questo particolare momento intende ricordare come a fronte delle numerose istanze presentate nell'interesse dell'imprenditoria in genere, non ha mai riscontrato una grande disponibilità da parte Amministrazione comunale ad accogliere e risolvere alcuna propria richiesta" Rispondi a La Verità

    Ctarricone ha scritto il 31 gennaio 2018 alle 11:55 :

    Ecco dove porta la mancanza di obiettivita e di cultura politica: anche in un messaggio onesto e molto intelligente, si vede il solo punto negativo che porta acqua al mulino del disfattismo a tutti i costi! Complimenti all’Aic e ai quei politici avveduti che hanno capito quanto male avrebbe arrecato, in questo momento, una crisi amministrativa! Rispondi a Ctarricone

    La Verità ha scritto il 31 gennaio 2018 alle 13:07 :

    nella vita c'é un bisogno di coerenza ; perché aver scritto che l'aic non era ascoltato ? Rispondi a La Verità

    Ctarricone ha scritto il 31 gennaio 2018 alle 15:53 :

    Eppure il messaggio è chiaro: bene ha fatto il Sindaco....... nonostante...! Piu chiaro di cosi!!!!!!!!