Incontro fra l’assessore Nunziante e alcuni universitari pendolari, organizzato dal consigliere regionale Sabino Zinni

Raddoppio dei binari Andria-Corato. «Lavori completati entro l'inizio del 2019»

Entro fine anno la tratta Bari-Ruvo tornerà a registrare le stesse tempistiche che aveva prima del 12 luglio; la tratta Corato-Ruvo, invece, riprenderà ad essere percorsa, seppur entro il limite di 50 km, entro aprile 2018

Politica
Corato giovedì 07 dicembre 2017
di La Redazione
Zinni e Nunziante ai pendolari:«A inizio 2019 sarà completato il raddoppio dei binari Andria-Corato»
Zinni e Nunziante ai pendolari:«A inizio 2019 sarà completato il raddoppio dei binari Andria-Corato» © n.c.

Si è svolto ieri mattina, presso gli uffici dell’assessorato ai trasporti della Regione Puglia, un incontro fra l’assessore Nunziante e alcuni universitari pendolari espressione delle diverse anime dell’associazionismo universitario. Un incontro voluto e organizzato dal consigliere regionale Sabino Zinni, capogruppo della lista “Emiliano Sindaco di Puglia”.

«Ho deciso di promuovere quest'incontro perché credo che il primo compito di noi consiglieri regionali sia quello di facilitare la comunicazione fra i territori di cui siamo espressione e il governo centrale della Regione, questo sempre al fine di risolvere i problemi più urgenti» ha spiegato Zinni.

«Quello dei trasporti fra le città della zona e Bari, nello specifico, è un problema urgentissimo che nessuno sta sottovalutando e che si sta provando a risolvere nel migliore dei modi. Certo non è cosa semplice. Proprio per questo motivo - ha continuato il consigliere regionale -, invece di proclami e azioni sensazionali, ho ritenuto che potesse essere chiarificatore un incontro faccia a faccia fra studenti pendolari e l'Assessore ai Trasporti. I ragazzi convenuti - attivisti di Link, Spazio Comune, Studenti Indipendenti - sono quelli che vivono ogni giorno sulla loro pelle i disagi in questione.

L'incontro non è stato assolutamente preparato e i ragazzi hanno avuto carta bianca nel chiedere all'assessore qualunque cosa abbiano volto. A questo proposito colgo l'occasione per ringraziare sia l'Assessore, persona attenta e sempre disponibile, che gli studenti, preparati e determinati,per aver accettato il mio invito».

Il confronto è stato schietto e molto fitto. Fra le molte cose dette, grazie anche alla presenza dell’ingegnere Campanile, si è puntualizzato che entro fine anno la tratta Bari-Ruvo tornerà a registrare le stesse tempistiche che aveva prima dell'incidente del 12 luglio; la tratta Corato-Ruvo riprenderà ad essere percorsa se pur entro il limite dei 50 km orari entro aprile 2018; entro 400 giorni a partire dal primo gennaio 2018 sarà completato il raddoppio dei binari fra Andria e Corato. I fondi ci sono e sono sufficienti per tutte le progettualità previste.

Circa la delicata questione Corato-Andria, ha precisato Nunziante, «nonostante sia una tratta, il cui utilizzo, è ancora sotto sequestro della magistratura, si stanno preparando gli atti per iniziare la gara di affidamento dei lavori, procedendo parallelamente all’inchiesta per recuperare tempo. Il mio assessorato comunque rimane aperto ad ogni richiesta che nel frattempo possa alleviare il disagio dei pendolari. È una situazione complicatissima, ma con la collaborazione l’impegno di tutti ce la faremo».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Francesco S. ha scritto il 07 dicembre 2017 alle 16:55 :

    Allora io credo a babbo natale e la befana............!!!!! Rispondi a Francesco S.

  • Annamaria Fiore ha scritto il 07 dicembre 2017 alle 10:40 :

    Questo non fa altro che aumentare, ulteriormente, lo sconforto di noi pendolari che viviamo questo disagio, quotidianamente, da quasi 16 mesi e vedere diminuire la credibilità di queste stesse notizie. Rispondi a Annamaria Fiore

  • Annamaria Fiore ha scritto il 07 dicembre 2017 alle 10:38 :

    La cosa che realmente sorprende è che in ogni incontro vengono rese pubbliche date di ripristino del servizio molto diverse tra loro. Solo per citare qualche esempio tratto dalla vostra stessa testata: 1. Damascelli, FI, 22 novembre 2017, riapertura Corato-Ruvo entro primo SEMESTRE 2018; velocità a 110 kmh Ruvo-Bitonto tra dicembre e gennaio; 2. Nitti, Ferrotramviaria, 31 ottobre 2017: riapertura Corato-Ruvo entro PRIMI MESI sel 2018; velocità a 110 kmh Ruvo-Bitonto PRIMO TRIMESTRE 2018; 3. incontro Legambiente-Ferrotramviaria, 31 marzo 2017: riapertura Corato-Ruvo, nella peggiore delle ipotesi, riapertura anno scolastico 2017. Le diverse date cambiano se l'analisi si allarga ad altre fonti, naturalmente. Rispondi a Annamaria Fiore

    Maurizio Generosi ha scritto il 09 dicembre 2017 alle 05:15 :

    Non deve sorprendersi signora siamo in Italia, il paese dove l'anormalità e la stranezza che si ravvisa in ogni aspetto, è all'ordine del giorno. L'originalità e le cose nuove fanno sorprendere come dice lei. Ma, essendo coratino e cittadino italiano da ben 24 anni, quello che leggo e percepisco sulla mia pelle, non mi appare assolutamente nuovo. È un film tragico che si ripete ogni giorno. Non voglio essere monotono o moralista. Ma questi provvedimenti avrebbero dovuto prenderli prima di quel tragico mento, che noi tutti vorremmo dimenticare. Far vedere ora che "qualcosa si sta muovendo" solo da un punto di vista teorico è solo ridicolo, seppur opportuno per noi tutti che saliamo ogni giorno su quel treno. Rispondi a Maurizio Generosi

  • amenduni francecso ha scritto il 07 dicembre 2017 alle 06:26 :

    si, si, certo... Rispondi a amenduni francecso

Le più commentate
Le più lette