Un post sarcastico del direttore di Tg La7 sul suo profilo ha scatenato il "botta e risposta"

Mentana contro i pm di Trani e Ruggiero risponde: «Perchè demonizzare sempre il lavoro altrui?»

«Quella che ormai denominiamo 'disinformazione' non sia solo la narrazione o diffusione di false notizie, le cosiddette fake-news, ma anche quella più subdola ed insidiosa attività di narrazione incompleta di notizie vere»

Politica
Corato lunedì 13 novembre 2017
di La Redazione
Il pm Michele Ruggiero
Il pm Michele Ruggiero © TraniLive.it

Qualche giorno fa, sul profilo Facebook di Enrico Mentana è comparso un commento sarcastico dopo l’archiviazione dell’inchiesta della Procura di Trani su correlazione tra vaccini e autismo.

«Il mondo tratteneva il respiro in attesa del responso» scriveva il giornalista. «Conoscendo l'indole schiva dei pm di Trani, già verificata in anni e anni di mirabolanti inchieste su tutto lo scibile umano, per il quale come è noto è competente la procura pugliese, mi aspetto prossimamente l'apertura di fascicoli sulla possibile correlazione tra matrimoni e precipitazioni piovose e tra onanismo e cecità. In Gip we trust, aspettando che prima o poi l'organo di autogoverno dei magistrati affronti una volta per tutte l'anomalia di Trani”

Il post non è piaciuto all’ormai ex pm della procura di Trani,Michele Ruggiero, principale destinatario del post di Mentana. Il dottor Ruggiero ha risposto prontamente al direttore del Tg La7.

«Quella che ormai denominiamo 'disinformazione' - scrive il pm - non sia solo la narrazione o diffusione di false notizie (le cosiddette fake-news), ma anche (e direi soprattutto) quella più subdola ed insidiosa attività di narrazione 'incompleta e superficiale' di notizie 'vere': una narrazione, quest'ultima, che rappresentando in modo parziale il fatto storico oggetto dell'informazione, lo deforma così deviandone la percezione, la conoscenza e l'apprezzamento nel destinatario (ed 'utilizzatore finale') dell'informazione.

In questi giorni si assiste - con riferimento all'intervenuta archiviazione dell'indagine sul potenziale nesso di causalità tra vaccini ed autismo (archiviazione, si badi bene, richiesta dal Pubblico Ministero) - ad una cinica deformazione della corrispondente informazione da parte di autorevoli testate giornalistiche che hanno narrato di quella fisiologica evenienza data dalla archiviazione di un procedimento, come di una sorta di sconfessione di un'idea balzana o di una battaglia personale del Pubblico Ministero che aveva dato avvio all'indagine. Il 'disservizio' informativo sta nel trascurare e nell'omettere di informare l'opinione pubblica (su di un tema scottante ed attuale che interessa la salute e la vita dei nostri figli) in ordine ad alcune circostanze che, laddove narrate con completezza (e correttezza), avrebbero rasserenato non poco i cittadini rendendo loro un autentico 'servizio'».

Ruggiero ha elencato la cronistoria di come si è arrivati a quell'indagine andando a "colmare il deficit informativo".

«Il 'fascicolo' di quella indagine è stato doverosamente aperto non per una qualche balzana curiosità personale del Pubblico Ministero, ma su articolata e puntuale denunzia di due cittadini, genitori di bimbi autistici, che corredavano la loro segnalazione alla Autorità Giudiziaria con una ponderosa consulenza medico legale che affermava la sussistenza di una relazione di causalità tra i vaccini pediatrici somministrati ai piccoli e l'autismo da cui gli stessi erano risultati affetti: di tal che l'apertura di un'indagine costituiva un preciso dovere per l'Ufficio di Procura investito da quella denunzia contenente una notizia di reato da vagliare».

Il pm quindi ha dovuto disporre una consulenza collegiale delicatissima facendo guidare il pool di esperti da un Dirigente dell'Istituto Superiore di Sanità «al fine di assicurare 'qualità' e autorevolezza alla valutazione tecnica», scrive il pm. «A fronte delle conclusioni rassegnate dal collegio di esperti che, studiato il caso dei due bimbi e valutate le ulteriori emergenze delle indagini svolte dai Carabinieri del N.A.S., hanno smentito ed escluso ogni correlazione tra vaccini e autismo, il Pubblico Ministero immediatamente proponeva motivata richiesta di archiviazione per assoluta infondatezza della denunzia. A a seguito della pronta richiesta di archiviazione dell'indagine, i denunziarti hanno proposto al Gip - come è loro consentito dalla legge - opposizione alla richiesta di archiviazione del Pubblico Ministero. Il Gip ha, quindi, fissato apposita udienza in cui il Pubblico Ministero ha convintamente ribadito le ragioni della richiesta di archiviazione per infondatezza della iniziale denunzia (e della notizia di reato ad essa sottesa».

Dopo alcuni mesi il Giudice ha condiviso ed accolto la richiesta del Pubblico Ministero emettendo decreto di archiviazione.

«Questi, in sintesi, i fatti: semplicemente nella loro sequenza storica e cronologica; è troppo pretendere che essi vengano narrati nella loro completezza? Non si trattava, dunque - come si è voluto far credere da taluni media e da qualche direttore di testata giornalistica televisiva - di una 'battaglia' ingaggiata da un Pubblico Ministero contro i vaccini; nè si tratta di una battaglia 'persa' a seguito di un'archiviazione (peraltro disposta dal giudice su precisa richiesta dell'organo inquirente): è, infatti, nella fisiologia del procedimento penale che un'inchiesta possa sfociare in una richiesta di rinvio a giudizio ovvero in una richiesta di archiviazione. Sembra davvero che in ogni campo, non solo in politica - conclude il pm -, si cerchi sempre un 'nemico' contro cui scagliarsi, qualcuno da demonizzare, pur di distrarre l'opinione pubblica dai veri problemi che giacciono irrisolti sul tappeto; ed è così che la 'disinformazione' finisce con l'alimentare dibattiti e polemiche in un Paese che avrebbe, invece, solo bisogno di maggiore Responsabilità e Verità».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Umberto Galassi ha scritto il 13 novembre 2017 alle 14:35 :

    Non capisco perche' si debba criticare un P. M. che si comporta secondo legge. Giusta e puntuale la risposta del P.M. inutile e forse dannosa nell'interesse dei cittadini l'intervento del Dottor Mentana. Per il passato non ho avuto l'impressione che il P.M. abbia avuto torto visto che la Commissione Banche lo ha chiamato come consulente. Ma forse per il Dottor Mentana vale piu' un magistrato di Roma che uno di Trani? Ho sempre pensato che un giudice agisce nell'interesse dei cittadini e per questo dovrebbe essere rispettato. Grazie. Umberto Galassi Rispondi a Umberto Galassi

Le più commentate
Le più lette