La mostra è visitabile fino al 18 marzo 2018

“Il volto del ‘900”, set cinematografico dell'Italia che fu

Il secolo scorso è il protagonista della mostra allestita a Palazzo Gioia e inaugurata ieri grazie all’associazione “Il tempio di Serapide”, al Comune di Corato e alla collaborazione dello Stato Maggiore dell'Esercito

Cultura
Corato sabato 16 dicembre 2017
di Ingrid Vernice e Francesco De Marinis
Il generale Tota
Il generale Tota © CoratoLive.it

Lo scorso anno a conquistare Corato è stato l'800 pugliese. Adesso è l'ora del ‘900, definito “il secolo breve”, caratterizzato dai continui cambiamenti socio-culturali, dai conflitti mondiali e dalla rivoluzione del ’68.

Non troppo lontano, ma nemmeno troppo vicino da essere presente nei ricordi delle giovani generazioni, il secolo scorso è il protagonista della nuova mostra invernale allestita nelle sontuose stanze di Palazzo Gioia e inaugurata ieri sera.

La conferenza stampa
Ospiti della serata personalità di spicco del mondo della cultura come i docenti Nicola Neri e Leonardo Losito, esperti di storia ed abili comunicatori, e delle forze armate: il Generale Giuseppenicola Tota, il Generale di Brigata Mauro Prezioso, Comandante territoriale dell’Esercito in Puglia, il Colonnello Marco Muscio, Capo Sezione Musei dello SME, il Maggiore Mauro Lastella Capo Sezione Pubblica Informazione del Comando Militare Esercito “Puglia”. A fare gli onori di casa il sindaco Massimo Mazzilli e la curatrice e ideatrice della mostra Anna Maria La Monica.

«Esprimo la mia personale soddisfazione nell'annoverare tra i cittadini un servitore dello stato come il Generale Tota che non smetterò di ringraziare per l'impegno ed il contributo con cui ha reso possibile l’allestimento della mostra» ha detto Mazzilli. «Ringrazio inoltre Anna Maria La Monica ed il suo team di collaboratori per la caparbietà con cui ha portato avanti questo ambizioso progetto; un modo per rendere fruibile ai giovani la memoria della nostra Italia».

La stessa curatrice La Monica ha poi illustrato come è nata la mostra e le numerose difficoltà incontrate: «Questa mostra nasce come proseguimento della precedente “Sguardi sull'800 pugliese,” ma non mi sono resa conto delle difficoltà che avrei incontrato, poiché allestire una mostra sul ‘900 significa dover fare una grandissima ricerca per reperire gli oggetti. È stata un'epoca di cambiamenti repentini sfociati nel consumismo sfrenato, vero colpevole della scarsità di oggetti da recuperare. Paradossalmente è stato più complicato trovare pezzi degli anni 60 che collezioni del ‘700. Altri ostacoli li abbiamo incontrati nel momento in cui abbiamo deciso di portare a Corato il Carrarmato L3 detto “scatoletta” e l'Alfa Romeo coloniale direttamente dalla Capitale».

«Le attività come questa - ha quindi sottolineato il Generale Tota - dimostrano quanto l’Esercito senta grande la responsabilità di mantenere vivo il ricordo di tutti quegli eventi della nostra storia patria che hanno coinvolto intere generazioni, contribuendo in maniera determinante a costruire non solo l’Italia, ma anche l’Europa di oggi; un’Europa di pace e fraterna amicizia».

La mostra
Nata dalla strenua volontà e dall'impegno della curatrice Anna Maria La Monica, la mostra “Il volto del '900. Dal 1914 al 1968: storia, arte moda e design” è idealmente divisa in tre parti; se da un lato troviamo arredi originali dell'epoca, oggetti preziosi, antiche porcellane e splendide mise perfettamente in linea con la moda del tempo, dall'altro è possibile visitare una una sezione apposita per cinema, pubblicità ed elettronica. Per ultima, ma non per questo riveste un ruolo meno importante, trova spazio la sezione edita dallo Stato Maggiore dell’Esercito (SME) - Ufficio Storico, intitolata “La Grande Guerra. Fede e Valore”, con al suo interno pezzi rarissimi, tra cui divise, armi, elmetti, una targa commemorativa, la bicicletta utilizzata da Guglielmo Marconi per i suoi studi sulla dinamo e l’Alfa Romeo Coloniale appartenuta al Re, già protagonisti di altre tre mostre a Berlino, Budapest e Roma.

In occasione del centenario della vittoria della prima guerra mondiale, e dell’anniversario dei moti sessantottini, questa sezione della mostra risulta perfettamente integrata con il tema proposto. Una tavola imbandita all'interno di un salotto signorile è la prima immagine che si presenta agli occhi del visitatore, che viene così catapultato in un mondo tanto distante da quello odierno, un mondo in cui il tempo scorreva lento ed in cui il fermento del cambiamento si respirava nell'aria.

Non solo una mostra, ma una fedele ricostruzione della società e dello stile di vita degli italiani nel periodo che va dalla prima guerra mondiale, agli anni della contestazione. Una sorta di set cinematografico ben allestito e verosimile che vale la pena visitare. Guide speciali saranno i ragazzi dell'istituto superiore Oriani-Tandoi di Corato grazie al progetto alternanza scuola-lavoro.

Orari di apertura
La mostra sarà visitabile fino al 18 marzo 2018, venerdì e sabato dalle 18 alle 21, la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle 21. Su prenotazione gruppi e scolaresche contattando il numero 080.9592281.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette