​In programma una serie di incontri di lettura ad alta voce che si terranno dal 23 al 29 ottobre nelle biblioteche scolastiche

#ioleggoperché: le biblioteche scolastiche “crescono” grazie ai cittadini

Al progetto nazionale aderisce la cartolibreria Rosa Olivieri sostenuta dall’associazione Avanscoperta e in collaborazione con le due scuole gemellate: “F. Cifarelli” e “L. Santarella”

Cultura
Corato martedì 24 ottobre 2017
di La Redazione
#ioleggoperché: le biblioteche scolastiche “crescono” grazie ai cittadini
#ioleggoperché: le biblioteche scolastiche “crescono” grazie ai cittadini © n.c.

Una grande raccolta di libri a sostegno delle biblioteche scolastiche: è l’iniziativa #ioleggoperché, la più grande a livello nazionale per la promozione della lettura. Ad organizzarla è l'Associazione italiana editori, quest’anno è alla terza edizione.

Grazie all’energia e all’impegno di messaggeri, librai, insegnanti e cittadini di tutta Italia e degli editori che hanno contribuito, nel 2016 sono stati donati alle scuole 124mila libri, andati ad arricchire il patrimonio librario delle biblioteche scolastiche.

Da sabato 21 a domenica 29 ottobre, nella cartolibreria Rosa Olivieri è possibile acquistare libri da donare alle scuole gemellate. Al termine della raccolta, gli editori contribuiranno con un numero di libri pari alla donazione nazionale complessiva (fino a un massimo di 100mila volumi), donandoli alle biblioteche scolastiche.

Al progetto nazionale #ioleggoperché aderisce la cartolibreria Rosa Olivieri sostenuta dall’associazione Avanscoperta e in collaborazione con le due scuole gemellate: la scuola primaria “F. Cifarelli” e scuola secondaria di primo grado “L. Santarella”. In programma una serie di incontri di lettura ad alta voce che si terranno dal 23 al 29 ottobre nelle biblioteche scolastiche.

La libreria Olivieri aprirà le porte a istituzioni, associazioni, genitori, alunni, docenti e a quanti vorranno sostenere questo progetto donando un libro per arricchire le biblioteche scolastiche.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • "salvatore di gennaro" ha scritto il 25 ottobre 2017 alle 03:23 :

    Gentile Rossella, plaudo all'iniziativa, e intendevo solo rafforzare l'importanza della lettura. E' come quando si dice, di una persona famosa: "..non ha bisogno di presentazioni...". Non credo che costei si possa offendere... A tal proposito, al Cicres (quasi di fronte al Calvario), dove sono socio, è in programma la scorsa di un libro umoristico ("Garibaldi ore 21"), scelto e letto da me, con siparietti musicali alla chitarra, "indegnamente" strimpellata sempre da me e cantati da un trio di socie. E' praticamente, un antesignano del "Grande Fratello" (l'ho acquistato cinquant'anni fa). Se ti interessa, fammelo sapere: sarai mia ospite. Cordialità. Rispondi a "salvatore di gennaro"

  • "salvatore di gennaro" ha scritto il 24 ottobre 2017 alle 14:48 :

    "...leggo... perché...": come continuare tale asserzione, in un periodo nel quale siamo diventati più ascoltatori, che lettori? Non credo che il libro abbia bisogno di qualcuno che ne perori l'importanza, dato che si difende da solo: ha il fascino della scoperta intima, da non condividere, per il momento, con nessuno; della felice ed appagante scelta personale; del silenzio della concentrazione; del considerarsi decisamente migliori di chi si limita, passivamente, ad "osservare"; del piacere di venire trasportati, solamente attraverso le parole scritte, in una dimensione reale o fantastica; del provare la sensazione di partecipare in prima persona a ciò che si scorre con gli occhi e con la mente; del sentirsi, davvero, padroni di se stessi. Cosa fa, un libro... Rispondi a "salvatore di gennaro"

    Rossella Maldera ha scritto il 24 ottobre 2017 alle 20:51 :

    Gentile signor Salvatore Di Gennaro, questa iniziativa ha lo scopo di arricchire le povere e spesso obsolete biblioteche scolastiche, affinché i giovani lettori possano avere a disposizione un nutrito numero di libri, tra l'altro selezionati dai docenti tra classici della letteratura per ragazzi e nuove pubblicazioni, e , dunque, avere maggiore possibilità di vivere quel meraviglioso incontro con la lettura che Lei ha descritto egregiamente. Sottolineo inoltre,che in soli due giorni di incontri, non poche volte i bambini hanno dichiarato la loro lontananza dai libri. Non bisogna dare tutto per scontato e poi...perché non parlare di un oggetto così bello come il libro?! Grazie Rispondi a Rossella Maldera

Le più commentate
Le più lette