La premiazione si è svolta sabato scorso nel Santuario Santa Lucia in Barletta

"La Stradina dei Poeti" premia Gerardo Strippoli

«Sono particolarmente contento e orgoglioso, poiché il premio si chiama “Radici” e viene attribuito con la seguente motivazione: "a chi fa del vernacolo espressione delle proprie origini"»

Cultura
Corato lunedì 18 settembre 2017
di La Redazione
"La Stradina dei Poeti" premia Gerardo Strippoli © n.c.

Ancora un riconoscimento per la poesia in vernacolo coratino. Gerardo Strippoli è stato premiato nell'ambito del Concorso-Mostra Nazionale "La Stradina dei Poeti", organizzato dalla associazione artistico-culturale Cesacoop Arte.

La premiazione si è svolta sabato scorso nel Santuario Santa Lucia in Barletta. «Ho il piacere di condividere con voi la soddisfazione di un ulteriore premio che mi è stato attribuito» scrive Strippoli.

«Sono particolarmente contento e orgoglioso, poiché il premio si chiama “Radici” e viene attribuito con la seguente motivazione: "a chi fa del vernacolo espressione delle proprie origini".

La poesia inedita - precisa - si intitola "attùrne alla frascère". Nel testo metto a confronto i mezzi di comunicazione e socializzazione moderni, con quelli di una volta che consistevano semplicemente nello stare insieme intorno a un braciere».


Attùrne alla frascère

Quànde càuse o mùnne de jòsce,
ògne dì ni èssene a lùsce,
stè sèmbe prònde qualche gènie
a fabbrecà òpere de papùonne, de demònie.

‘Inde a ne secònde te mìtte ‘ngondàtte
pe iùne ca all’àlta vànne du mùnne è sciùte a sbàtte.

Sònde stremìende ca se chiàmene sociàl,
mìche stàme angòre o tìembe du sciarabbàll.

Avàste po' ca u dìscete scàzze
e pu telefonìne fè ròbbe da pàzze.

Fotografì, fìlm, yutùbbe, internèt,
messàgge, canzòne, gìf, marionètte.

Senza parlà de ne stremènde ca se chiàme vazàppe,
ca pe na bòtte tùtte l’amìsce e parìende angàppe.

Ma ìnde a tòtte sta modernìtà
stè na càuse ca nan pùote acchià.

Ne servìzzie pròprie de povrìedde
ca accucchiàie grànne e uagnengìedde,
spècie quànne arrevàine re scernàte trìste
du vìerne amàre ca mànne Crìste.

Attùrne a cùre stremènde n’arretenèmme tùtte,
pe d’angallèsce ne pìcche e dìsce qualche fàtte.

Mettèmme a còsce pùre ìnde o pegnatìedde
du fasùole pe mangiàlle pe le cavatìedde.

Tenàie na bèlla fòrze cùre stremènde,
de tenàie accucchiàte la famìgghie, èrre potènde.

Ne pìcche de carvenèdde e arrevàie u calòre,
u piacère de stà ‘nzìeme t’anghiàie u còre.

Quànne ce pènze me chiànge l’àneme, è vère
e me mànghe assè cùre calòre d’attùrne alla frascère.

Intorno al braciere
Quante cose al mondo d’oggi,
ogni giorno ne escono alla luce (ne nascono),
c’è sempre pronto qualche genio
a realizzare opere di stregoni, di demoni.

In un secondo ti metti in contatto
con una persona che all’altra parte del mondo è finito.

Sono strumenti che si chiamano “social”,
mica siamo ancora al tempo dello “char-a-banc”(calesse).

Basta poi pigiare col dito
e con il telefonino fai cose da matti.

Fotografie, filmati,youtube, internet,
messaggi, canzoni, gìf (animazioni), marionette.

Senza parlare di uno strumento che si chiama “whatsapp”,
che con un clic prendi tutti gli amici e i parenti.

Ma in tutte queste modernità
Vi è una cosa che non puoi trovare.

Una cosa proprio da poveri,
che univa grandi e ragazzini,
specialmente quando arrivavano le giornate tristi,
dell’inverno amaro che manda Cristo.

Intorno a quell’attrezzo ci riunivamo tutti,
per riscaldarci un po’ e raccontarci qualche fatto.

Mettevamo a cuocere anche nel pentolino di terracotta
un po’ di fagioli per poi mangiarli con i cavatelli.

Aveva una bella forza quello strumento,
di tenere unita la famiglia, era potente.

Con un po’ di carbonella arrivava il calore,
il piacere di stare insieme ti riempiva il cuore.

Quando ci penso mi piange l’anima, è vero,
e mi manca tanto quel calore d’intorno al braciere.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette