La mostra rimarrà aperta fino al 15 ottobre, sarà possibile visitarla dal venerdì alla domenica, dalle 19 alle 23. In programma anche due aperture straordinarie: il 21 e il 22 agosto dalle 19 alle 23. Ingresso libero

Quando l'arte ricorda che "Oggi è il domani di ieri"

Un percorso tra le opere più recenti dell’artista pugliese Dario Agrimi, tra uno sfrontato iperrealismo e una poetica che interroga la condizione umana

Cultura
Corato venerdì 11 agosto 2017
di La Redazione
Dario Agrimi
Dario Agrimi © n.c.

Il "tour" estivo di Dario Agrimi fa tappa anche a Corato. "Oggi è il domani di ieri" si intitola così la mostra delle sue opere che presto sarà allestita a Corato. A promuovere la personale è CoArt Gallery, con il patrocinio del Comune di Corato. L'inaugurazione è in programma per venerdì 18 agosto alle 20.30.

Dopo il successo di Grottole Art Nature in collaborazione tra Fondazione Maria Rossi e Fondazione Pascali e la discussa esposizione dell’opera "Non dice chi è" a Cosenza, dal 18 agosto al 15 ottobre l'artista tranese si sposta a Corato. Nelle sale ottocentesche di Palazzo Gioia, tra le decorazioni pittoriche e l’eco dei fasti del tempo.

Agrimi lavora nel campo dell'arte contemporanea con opere di carattere concettuale e si esprime con diverse tecniche (pittura, installazione, fotografia, scultura e video). Il percorso raccoglie le opere più recenti dell’artista pugliese, tra uno sfrontato iperrealismo e una poetica che interroga la condizione umana. Il medium è a servizio dell’idea, l’artista-creatore si libera di vincoli, tecniche, nessun limite è posto, puntando alla rappresentazione, le idee nascono da una pratica continua con il mondo delle cose.

“Genio! È l’esclamazione che spesso si associa alla vista delle opere di Dario Agrimi” spiega il curatore, Alexander Larrarte. “Nella creazione dell’opera Agrimi innesca un meccanismo di entropia di comunicazione, in un rapporto di conoscenza col mondo, con la realtà, non privandosi di un graffio ironico, agisce sul margine di astrazione, di indeterminazione, invitando il visitatore ad una riflessione, ad un rapporto di scoperta, di esplorazione sulla società contemporanea.

La mostra rimarrà aperta fino al 15 ottobre, sarà possibile visitarla dal venerdì alla domenica, dalle 19 alle 23. In programma anche due aperture straordinarie: il 21 e il 22 agosto dalle 19 alle 23. Ingresso libero.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette