Dal luogo del disastro ferroviario del 2016

Il ministro Toninelli sul binario del disastro: «Linea più sicura sotto la guida dello Stato»

A chi chiede che venga revocata l’autorizzazione a Ferrotramviaria per la gestione della Bari Nord, Toninelli risponde: «è una volontà politica espressa già prima del mio insediamento e la condivido»

Cronaca
Corato giovedì 12 luglio 2018
di Marianna Lotito e Francesco De Marinis
Il ministro Toninelli sul binario in cui si è verificato l'incidente del 12 luglio 2016
Il ministro Toninelli sul binario in cui si è verificato l'incidente del 12 luglio 2016 © CoratoLive.it

«La sua presenza qui è molto importante per le nostre comunità». Con queste parole i sindaci di Corato e di Andria, Massimo Mazzilli e Nicola Giorgino, hanno accolto il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, arrivato questo pomeriggio intorno alle 17 sul binario del disastro ferroviario.

Circondato dai giornalisti e dalle famiglie delle vittime, Toninelli ha dimostrato la sua vicinanza: «è fondamentale essere qui oggi per testimoniare la vicinanza di tutto lo Stato, per le vostre città e per i parenti delle vittime. La sofferenza che c’è stata in questa terra non potrà mai essere dimenticata. Quello che avete vissuto è stato un evento vergognoso e inaccettabile».

Alla richiesta partita dalla parente di una vittima della strage di togliere la gestione della linea Barletta-Bari a Ferrotramviaria e passarla alle Ferrovie dello Stato, Toninelli ha risposto: «Era una linea politica già definita. Voi sapete - ha detto il ministro - che io sono insediato da poco più di trenta giorni al mio ministero, che è un ministero molto complesso. La prima cosa che ho voluto fare dopo l’anticorruzione e la trasparenza, è stata proprio quella dei pendolari. E alla domanda "dove c’è maggiore rischio per i nostri pendolari?" La risposta è stata ‘su alcune tratte regionali, dove i binari sono gestiti insieme ai treni dalle Regioni’”. Perfetto, che cosa possiamo fare per aiutarli? O una stretta (ma la risposta è stata che ci vuole troppo tempo) o il trasferimento a Rfi. La mia iniziativa - ha proseguito Toninelli - sarà quella di andare ad analizzare tutte queste tratte regionali e, laddove non ci siano le condizioni neanche temporali per adempiere alle norme minime di sicurezza, di chiedere il trasferimento. E se non mi viene chiesto ha concluso - troveranno in me un nemico».

«Ci sono responsabilità penali che vengono portate avanti dalla magistratura e responsabilità etiche e morali politiche che non vanno dimenticate» ha aggiunto il ministro. «Noi dobbiamo ribaltare il Paese, non viene più l'interesse economico particolare ma l'interesse dei cittadini. Al centro avremo sempre la gente e le persone normali.

«Ne piangiamo 23 di vittime, non una. Mi auguro che ci sia giustizia, non vogliamo cose al di sopra di noi, ma non ci abbandonate vi prego» ha detto uno dei familiari delle vittime. «Ci hanno fatto promesse, chiuso il discorso. Speriamo, che voi lavoriate e che venga fuori la verità».

Il video


Lascia il tuo commento
commenti