​Il fatto avvenne all’ospedale Dimiccoli nel 2009

Bimba soffocata dal cordone ombelicale, assolti due medici e un’ostetrica

Il Tribunale di Trani ha assolto dall’accusa di omicidio colposo i tre imputati «perché il fatto non sussiste»

Cronaca
Corato mercoledì 11 luglio 2018
di La Redazione
Ospedale Dimiccoli
Ospedale Dimiccoli © © n.c.

Si è chiusa con tre assoluzioni la vicenda di una bimba venuta alla luce già morta all’ospedale di Barletta, nel dicembre 2009, perché soffocata dal cordone ombelicale.

Secondo quanto contestato dalla Procura di Trani nella richiesta di rinvio a giudizio, ben cinque tra medici e ostetriche avrebbero concorso a provocare la morte della piccola «per imprudenza, negligenza, imperizia ed inosservanza delle leges artis relative ai settori medici e paramedici di rispettiva competenza».

In pratica, se si fosse intervenuti in tempo con un taglio cesareo la bambina - era quanto sosteneva la Procura - si sarebbe potuta salvare. Il parto avvenne, però, a cavallo dell’avvicendamento del turno di due medici del reparto di Ginecologia del Dimiccoli, ma l’accusa di omicidio colposo era stata contestata anche a un medico di guardia e due ostetriche.

Due dei cinque imputati - un medico ed un’ostetrica - erano stati già assolti con il rito abbreviato. Ora il Tribunale di Trani ha assolto dall’accusa di omicidio colposo i restanti tre imputati, che avevano scelto il rito ordinario: i medici barlettani Giuseppe Capuano e Michele Scardigno e l’ostetrica coratina, Maria Modugno, “perché il fatto non sussiste”. Scardigno è stato assolto - con la stessa formula - anche dall’accusa di omissione di atti d’ufficio.
Lascia il tuo commento
commenti