Il fatto

Notte di fuoco, quattro veicoli in fiamme

Questa notte è accaduto in viale Cadorna e via Salaria

Cronaca
Corato domenica 15 aprile 2018
di La Redazione
Auto in fiamme
Auto in fiamme © Imevi

È stata una notte di fuoco quella appena trascorsa. Ben quattro veicoli sono stati distrutti dalle fiamme: il primo intorno alle 2, una Ford Ka parcheggiata in viale Cadorna; subito dopo gli altri tre in via Salaria, una Fiato Multipla, una Alfa Romeo 147 e un motocarro.

In entrambi i casi fondamentale l’intervento dei vigili del fuoco per sedare gli incendi e mettere in sicurezza la zona. Sul posto anche i carabinieri e le guardie giurate dell’Imevi.

Molti cittadini hanno affidato alle bacheche dei social la preoccupazione vissuta durante la notte. In tanti hanno segnalato gli spostamenti dei vigili del fuoco e l'odore acre tipico degli incendi.

In diverse zone della città anche la corrente elettrica pare abbia creato dei disservizi: in via Ruvo, via Don Minzoni, via Santa Faustina, via Andria e piazza Gallo molte case sono rimaste senza energia elettrica per almeno 10 minuti. Si è trattato di un vero e proprio blackout, anche secondo quanto confermato dai vigili del fuoco. Numerosi i sistemi di allarme scattati proprio a causa del calo di corrente.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • M.M ha scritto il 16 aprile 2018 alle 05:45 :

    Perchè non cerchiamo di prenderli noi cittadini ,organizziamoci, facciamo ronde la notte e vedi come li prendiamo.In questo modo risolviamo il problema e facciamo fare una figura di m... a chi deve prendere provvedimenti. Rispondi a M.M

    M.G ha scritto il 16 aprile 2018 alle 08:28 :

    Concordo con m.m...senza contare poi i danni a chi poi deve ripulire i muri e gli interni delle abitazioni. ..dovesse succedere alla mia famiglia. ...Non sapremmo dove sbattere la testa.......mi auguro che questo ..deficiente ....decida di smetterla. ....vorrei che la vita gli desse una bella lezione....chissà... Rispondi a M.G

  • Tony ha scritto il 16 aprile 2018 alle 05:35 :

    io invece mi rivolgo semplicemente a questo imbecille, che cosa provi a bruciare un auto? Non sembra che stai esagerando? che colpa hanno i tuoi concittadini? una persona che oggi deve sopravvivere deve lottare per sopravvivere e tra l altro mantenersi un auto utilitaria che magari gli serve per andar a lavorare? fatti un esame di coscienza, pensaci. . . ormai hai dimostrato di farla franca, di saper saperci fare, e basta non te la prendere più con la povera gente.. . Rispondi a Tony

  • Amedeo Strippoli ha scritto il 15 aprile 2018 alle 18:51 :

    Comprendo che la rabbia è talmente tanta e di conseguenza il mio appello a non commentare simili notizie, per evitare che qualche esibizionista potesse emulare questi gesti criminali, sia andato disatteso. Ma, mentre c'è qualche concittadino che sta ancora piangendo la propria auto, c'è qualcun altro che riesce a fare della facile e fine ironia dall'alto del suo pulpito, episodio che mi rattrista molto. Rispondi a Amedeo Strippoli

  • nerdrum ha scritto il 15 aprile 2018 alle 16:38 :

    la situazione sta diventando una sfida tra questo imbecille e la città. più riesce a farla franca più si sente forte. nn mi interesso di investigazioni ma credo che ormai siamo ai limiti x la messa in campo di un impegno straordinario da parte del prefetto, del sindaco, delle forze dell'ordine. questa persona ha dimostrato di sapersi muovere, di nn impallare telecamere, di essere rapido, cambiare quartiere. cosa si sta facendo di contro? nn ho mai letto di un tavolo sull'argomento. altrove dopo um centinaio di auto incendiate un sindaco avrebbe sentito il bisogno di chiamare a raccolta tutti i soggetti interessati. anche questo è un modo di fallire. Rispondi a nerdrum

  • Mary que ha scritto il 15 aprile 2018 alle 13:54 :

    Se solo ci fosse più sorveglianza ..di notte la gente dormirebbe a 7 cuscini... Mi chiedo come in un paese così piccolo non si riesce a gestire la situazione...Più controlli cazzo!! Rispondi a Mary que

  • Dino ha scritto il 15 aprile 2018 alle 10:58 :

    Ma nn era tutto sotto controllo? Delinquenza zero, paese sotto controllo delle forze dell'ordine. Questo è stato detto in alcune interviste....... Sciatavinnnn sciat....... Rispondi a Dino

  • M.G ha scritto il 15 aprile 2018 alle 10:51 :

    Non vedo soluzione a tutto ciò...sinceramente. ..è semplicemente vergognoso...nessuno fa nulla... Rispondi a M.G

  • Salvatore Cialdella ha scritto il 15 aprile 2018 alle 09:50 :

    Ormai Corato è in mano ai piromani. Possibile che le forze dell'ordine, non riescono a debellare questo fenomeno, nonostante le varie telecamere posizionate nelle varie zone? Rispondi a Salvatore Cialdella

  • Gaetano Bucci ha scritto il 15 aprile 2018 alle 09:39 :

    A Corato da tempo si vive nella precarietà, nella insicurezza, nella paura e nell'omerta. Siamo in piena emergenza siciale e civile, prima ancora che politica. La politica è incapace di dare risposte. I cittadini devono mobilitarsi. L'associazionismo pure. Qualcuno deve prendere l'iniziativa di un comitato di sicurezza pubblica che predisponga ed attui un piano di mobilitazione e sorveglianza. Rispondi a Gaetano Bucci

  • salvatore di gennaro ha scritto il 15 aprile 2018 alle 09:25 :

    Vito si chiede come mai la polizia non blocchi questi criminali: oltre al fatto che li dovresti tenere in carcere fino a quando diventano vecchi (ricordiamoci che solitamente ci si trasforma eticamente da anziani, quando, cioè, non si possono più dare cattivi esempi), ma poi c'è da considerare un altro fattore importantissimo, quello cioè della "emulazione". E' un parametro comportamentale che colpisce le società meno evolute culturalmente. Per fortuna la nostra scuola e la nostra televisione, i due mezzi formativi più importanti, ci tengono fuori da questo pericolo, facendoci nettamente primeggiare... Rispondi a salvatore di gennaro

  • francesco amenduni ha scritto il 15 aprile 2018 alle 08:01 :

    ormai è una barzelletta. un pesce i faccia, anzi , una cassetta di pesci in piena faccia a tutta la comunità , ogni giorno... e non sono nemmeno tanto freschi... Rispondi a francesco amenduni

  • Giorgio Basso ha scritto il 15 aprile 2018 alle 07:06 :

    Ormai la domanda nasce spontanea: sono più le auto incendiate o le buche nelle strade? Rispondi a Giorgio Basso

  • Ilarini vito ha scritto il 15 aprile 2018 alle 06:21 :

    Possibile che le forze dell'ordine non riescano a fermare questi balordi? Addio Ford Ka ,tanti ricordi in fiamme Rispondi a Ilarini vito