​Il fatto

Audi A3 rubata a Corato e usata per commettere crimini

Il veicolo è stato ritrovato a Noci dai carabinieri

Cronaca
Corato lunedì 29 gennaio 2018
di La Redazione
Gli oggetti di bigiotteria e le custodie di preziosi sequestrati
Gli oggetti di bigiotteria e le custodie di preziosi sequestrati © n.c.

Era stata rubata a Corato quattro anni fa l’Audi A3 ritrovata ieri pomeriggio dai carabinieri di Noci. I militari, durante i servizi di controllo del territorio finalizzati a prevenire e contrastare i reati contro il patrimonio, hanno notato station wagon con alcuni uomini a bordo: stavano percorrendo una strada del paese in cui sono presenti alcuni esercizi commerciali in maniera lenta.

Insospettiti dal modello del veicolo, spesso usato per commettere reati, i carabinieri hanno intimato l’alt al conducente. Ignorando l’invito a fermarsi, l’uomo ha aumentato improvvisamente la velocità per darsi alla fuga. Poche centinaia di metri dopo gli occupanti del veicolo si sono dileguati nelle campagne circostanti.

L’Audi è stata restituita al legittimo proprietario: la targa originale era stata alterata.

Nel bagagliaio i carabinieri hanno trovato un gran numero di arnesi da scasso: un piede di porco di notevoli dimensioni, torce, tronchesi, flessibili, una tanica di benzina, una scala telescopica e una ricetrasmittente fabbricata in Giappone, attiva e funzionante. Nel corso della perquisizione, sono stati trovati anche oggetti di bigiotteria e custodie di preziosi, probabilmente frutto di furti recenti.

Ancora corso le indagini da parte degli inquirenti per giungere all’identificazione dei responsabili e ricostruire la loro condotta criminosa.
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Uncoratinoindignato ha scritto il 29 gennaio 2018 alle 12:47 :

    Restituita al legittimo proprietario? Che legge farlocca, come tutte ormai in questa bella nazione chiamata Italia. Bisognerebbe regolamentare la restituzione dei mezzi rinvenuti dopo un tot di tempo.. oltre al danno anche la beffa, non vorrei che questo povero cittadino debba restituire anche una somma di denaro all’assicurazione Rispondi a Uncoratinoindignato