Il fatto

Auto in fiamme in pieno giorno, l'incendio è doloso

La bottiglia di vetro trovata sotto il veicolo viene ritenuta prova del fatto che si sia trattato di un incendio appiccato da ignoti

Cronaca
Corato venerdì 19 gennaio 2018
di La Redazione
Vigili del fuoco
Vigili del fuoco © CoratoLive.it

Alla “scena” delle auto incendiate Corato ha assistito già troppe volte. Difficilmente però il fatto si è verificato di giorno, a meno che si trattasse di fenomeni legati a cortocircuiti o autocombustione. Oggi, invece, è avvenuto anche questo.

Intorno alle 13 una Citroën C3 è stata data alle fiamme mentre era parcheggiata nei pressi della scuola di viale Arno. Sul posto sono intervenuti i carabinieri arrivati da Trani e i vigili del fuoco del distaccamento di Corato.

La bottiglia di vetro trovata sotto il veicolo viene ritenuta prova del fatto che si sia trattato di un incendio doloso. Era stata usata come recipiente per contenere la benzina a cui poi gli autori del gesto hanno dato fuoco.
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Coratino indignato ha scritto il 20 gennaio 2018 alle 11:19 :

    Prendete esempio dal Sindaco di Molfetta!! in quanto giorni fa è stato alla Prefettura alle Questura telenorba Raii 3 ecc ecc per le scalation dei furti e spaccate nella Città .....la criminalità zona Nord vicinissima a Bari si è spostata nei dintorni!!! Corato!!!!!! Amministrazione !!!!! Svegliaaaaa!!!! Rispondi a Coratino indignato

  • Aldo ha scritto il 20 gennaio 2018 alle 07:48 :

    Aaah San Catal, fa' la graz'... Rispondi a Aldo

  • salvatore di gennaro ha scritto il 20 gennaio 2018 alle 02:50 :

    Le incomprensibili diatribe personali, a livello istituzionale, non aiutano ad impegnarsi nel far comprendere come agire con i giovani, specie con alcuni di loro per i quali, già dai primi anni delle scuole elementari, traspare l'esistenza di un forte disagio. Si crede ancora, erroneamente, che debba essere la famiglia ad educare i ragazzi non pensando, anzi non sapendo del tutto, che anche i genitori vanno edotti sul da farsi. Ricordo infatti, ancora con profondo fastidio, quando offrii la mia collaborazione di educatore ad un consigliere attuale: dall'alto della sua presunzione, non avvalorata da alcun titolo di studio adeguato, mi rispose: "e lo devi fare tu?". Stava parlando con un laureato con esperienze didattiche, ufficiale superiore, coordinatore di 450 persone, a Roma Radar. Rispondi a salvatore di gennaro

    Stefania ha scritto il 20 gennaio 2018 alle 15:12 :

    Ma è così difficile,chiamare la scientifica per circoscrivere un D.N.A?E'palese che tutti gli incendi sono dolosi.Vi Ho invitato più volte a chiamare i media.Sindaco ,mi rivolgo a lei ,si faccia prendere in simpatia dai coratino.Non serve essere l'ombra di qualcuno........ Rispondi a Stefania