Operazione "Cerbero"

Fatture false per 280 milioni, 5 arresti. Ai domiciliari padre e figlio di Corato

​Il gruppo che, secondo gli inquirenti, ha gestito la frode era composto da tre “imprenditori” bresciani e due consulenti tributari coratini​. I profitti illeciti ammonterebbero a circa 100 milioni

Cronaca
Corato venerdì 15 settembre 2017
di La Redazione
Operazione Cerbero
Operazione Cerbero © Guardia di Finanza

Questa mattina i finanzieri del Comando Provinciale di Brescia, con il coordinamento dalla locale Procura della Repubblica, hanno eseguito 5 ordinanze di custodia cautelare - 3 in carcere e 2 agli arresti domiciliari - oltre a perquisizioni e sequestri in diverse province italiane.

L’operazione - denominata “Cerbero” e condotta dai militari della Tenenza di Manerbio - ha consentito di individuare un’associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale mediante emissione e annotazione di fatture per operazioni inesistenti per oltre 280 milioni di euro, che hanno interessato 23 aziende nazionali ed estere.

Di queste, 5 erano “operative”, 10 erano “cartiere” (ovvero meramente produttrici di “carte” contabili) con sede in Italia e 8 erano “cartiere” con sede all’estero. In pratica, le cartiere, mediante l’emissione di falsi documenti, permettevano alle società operative di vendere sottocosto, in Italia, materiale plastico principalmente di origine estera.

Il gruppo che, secondo gli inquirenti, ha gestito l’intera frode era composto da tre “imprenditori” bresciani e da due consulenti tributari, padre e figlio, entrambi di Corato. Persone e società interessate dal provvedimento dell’autorità giudiziaria bresciana sono state individuate in Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Calabria, Veneto e Puglia oltre che in Slovenia, Bulgaria, Ungheria, Romania e Stati Uniti.

L’ingente frode fiscale avrebbe consentito all’organizzazione di accumulare profitti illeciti per circa 100 milioni di euro, oggi oggetto di sequestro.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette