Ennesimo incidente su via Gravina

Auto fuori strada al solito curvone di via Gravina, ferita una donna. Video

La conducente ha perso il controllo del veicolo in corrispondenza della curva a gomito. L'auto ha quindi sbandato ed è finita contro la cancellata che si trova sul lato opposto della carreggiata

Cronaca
Corato mercoledì 09 agosto 2017
di La Redazione
Auto fuori strada al solito curvone di via Gravina, ferita una donna
Auto fuori strada al solito curvone di via Gravina, ferita una donna © CoratoLive.it

Ennesimo incidente su via Gravina, ancora all'altezza della curva di contrada Forquetto. Intorno alle 12.30 di questa mattina una donna è rimasta ferita dopo che la sua auto è uscita fuori strada in un tratto nel quale gli incidenti davvero non si contano più.

La donna, che viaggiava da sola a bordo di una Toyota Aygo, stava percorrendo la strada in direzione Corato. Per cause ancora da accertare, la conducente ha perso il controllo del veicolo in corrispondenza della curva a gomito. L'auto ha quindi sbandato ed è finita contro la cancellata che si trova sul lato opposto della carreggiata.

La donna è stata soccorsa dal personale del 118: le sue condizioni non sarebbero gravi. Ingenti i danni al veicolo.

Sul posto anche gli agenti della polizia locale, una pattuglia della Vigilanza Giurata e le guardie campestri.

Nel sinistro non sono rimasti coinvolti altri mezzi.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Accademia della Crusca ha scritto il 12 agosto 2017 alle 04:32 :

    Vediamo cosa c'è dietro un semplice errore: si potrebbe nascondere uno scarso impegno personale, e non credo sia il tuo caso, dato che il fatto stesso che tu partecipi alla discussione sta a dimostrare come ciò che ti circonda, ti stimoli, ti colpisca e ti interessi; si potrebbe celare una scuola poco esigente ed assai tollerante, finalizzata a non perdere alunni, e con loro le "cattedre", piuttosto che a prepararli; si potrebbe manifestare una troppa certezza in se stessi, quella mancanza del "dubbio", che spinge a controllare se ciò che si fa, sia corretto o no; può palesarsi una pura distrazione. Rispondi a Accademia della Crusca

  • Accademia della Crusca ha scritto il 10 agosto 2017 alle 13:41 :

    Filippo, va be' che sei giovane, ma i commenti li leggono anche gli ottuagenari e 'sti poveracci hanno conosciuto solo l'italiano di Dante. Poi vedi che ti fa la fretta? Ti sbagli nello scrivere "efficienza"... Rispondi a Accademia della Crusca

    Filippo Marella ha scritto il 10 agosto 2017 alle 23:45 :

    X un errore di ortografia nn succede niente, mentre nn usare il cervello si😜😜😜 Rispondi a Filippo Marella

  • Francesco ha scritto il 10 agosto 2017 alle 09:08 :

    Spero che la magistratura, perennemente dormiente in questa città, faccia le sue dovute indagini per verificare le responsabilità degli enti preposti al controllo della strada e della mancata installazione dei limiti di velocità, alla luce di questi numerosi e pericolosi incidenti. Rispondi a Francesco

  • Michele Arsale ha scritto il 10 agosto 2017 alle 08:19 :

    Speriamo che non ci scappa mai il morto . ché poi vediamo il comune ,la provincia è altri enti competenti che fine faranno . poi spenderanno euro da destra a sinistra come tutte le cose maledette italiane. Rispondi a Michele Arsale

  • Filippo Marella ha scritto il 10 agosto 2017 alle 05:39 :

    Buongiorno a tutti. Il curvone sicuramente Nn è il max, ma nn sempre è colpa della strada. Ci sono svariate motivazioni x spiegare un uscita di strada. 1) è l efficenza della vettura 2) ci si crede piloti quando in realtà nn è vero. Nn basta essere promossi alla scuola guida o avere tanti anni di guida x dire: io so guidare e poi c è l smartphon che ti va aumentate il rischio di incidente Rispondi a Filippo Marella

  • Danilo Diaferia ha scritto il 09 agosto 2017 alle 23:14 :

    Basterebbe riempire il cordolo destro (in direzione corato) dove è presente un grande dislivello tra asfalto e terreno, se le ruote finiscono li dentro sei già sulla recinzione della azienda, diventa impossibile controllare la macchina. Rispondi a Danilo Diaferia

  • "salvatore di gennaro" ha scritto il 09 agosto 2017 alle 21:56 :

    Fa piacere ad uno come me, talvolta unico commentatore, vedere tanti interventi, indici di calda partecipazione. E' chiaro che fra le ipotesi da me esplorate, quella che più caldeggio è data dal tumultuoso stile di vita moderno, che spinge a correre, a sentirsi onnipotenti, a trasgredire sulle regole fondamentali della società. Tutto questo rivoluzionamento si è sviluppato in meno di cinquant'anni: un'inezia dinanzi all'eternità, un macroscopico elemento, dinanzi alla vita che si svolge giornalmente, che è poi l'unico interesse per chi esiste in questo momento. Gli incendi che quotidianamente scoppiano intorno a Corato, dimostrano che bisogna lavorare molto sulle persone. Non voglio ripetermi col discorso sull'educazione a scuola, dato che il lassismo imperante è molto più forte di me. Rispondi a "salvatore di gennaro"

  • Biagio tempesta ha scritto il 09 agosto 2017 alle 18:16 :

    Con quattro soldi per espropriare cento metri quadri di terra si creerebbe una lingua spartitraffico in corrispondenza della curva ma questi suggerimenti dati a parecchi amministratori sono rimasti inascoltati Rispondi a Biagio tempesta

  • Michelle ha scritto il 09 agosto 2017 alle 17:31 :

    Basta fate un'asfalto nuovo è si risolve il problema. Che ci vuole?????? Rispondi a Michelle

  • Aldo PAGANELLI ha scritto il 09 agosto 2017 alle 16:30 :

    Quando il mare è burrascoso non mi ci tuffo per un bagno, quindi se lo faccio e ci annego non è colpa del mare agitato ma del mio poco buon senso. Ora, che il manto stradale di quella strada e di altre versa in pessime condizioni è un dato di fatto, tuttavia se io pur essendone consapevole non adeguo l' andatura e magari mi distraggo per anche per leggere un indispensabile messaggio whatsapp, è innegabile che prima o poi un bel fuoristrada te lo faccio, garantito, quindi non è solo questione di asfalto consumato. Io abito in quel quadrante di Corato dal 1987, conosco quelle strade ancor prima che venissero asfaltate e sebbene non siano mai state in condizioni accettabili, tranne che per i primi tempi dopo la posa del bitume, non sono mai andato fuori strada. Ho usato il cervello. Rispondi a Aldo PAGANELLI

  • giancarlo torelli ha scritto il 09 agosto 2017 alle 16:20 :

    a 50 all'ora limite imposto non si va fuori strada, Rispondi a giancarlo torelli

  • Alex85 ha scritto il 09 agosto 2017 alle 14:24 :

    Io su via Gravina ci abito, in quel tratto di strada l'asfalto deve essere rifatto...! Non è ne colpa della velocità né tantomeno di distrazione è solo ed esclusivamente ASFALTO CONSUMATO ! Rispondi a Alex85

    giancarlo torelli ha scritto il 09 agosto 2017 alle 16:18 :

    Se si rispetta il limite di 50 kmh non succede niente Rispondi a giancarlo torelli

  • Patruno Salvatore ha scritto il 09 agosto 2017 alle 14:22 :

    Per me bisognerebbe togliere la patente a tutti quelli che fanno incidente in quella curva perché quella curva la faccio da una vita e non mi è mai successo niente sarà forse per il fatto che vado piano altro che la Regione l asfalto ecc.ecc. Rispondi a Patruno Salvatore

  • Aldo PAGANELLI ha scritto il 09 agosto 2017 alle 14:17 :

    Bisogna essere onesti, questi ripetuti incidenti su questa e su altre strade, via Trani tanto per citarne una, sono certamente frutto della loro cattiva manutenzione (manto stradale rovinato e inadeguata segnaletica) ma è anche vero, oltre ogni ragionevole dubbio, che la concausa di questi infiniti incidenti sono l' elevata velocità con cui si guida e la distrazione, dovuta ai maledetti cellulari, che non ti lasciano adeguare il corretto modo di guida in relazione alla strada che si percorre. Siamo onesti, è un fatto accertato e ben noto che su direttrici del genere si guida da cani. Prudenza e attenzione alla guida, rispetto dei limiti e una sana dose di buon senso ridurrebbero sensibilmente questo ciclo infinito di incidenti su questa e su altre strade. Rispondi a Aldo PAGANELLI

    Giacomo De Lillo ha scritto il 11 agosto 2017 alle 18:46 :

    Perfetto, Aldo Paganelli! Le concause. Rispondi a Giacomo De Lillo

  • Vin Cenzo ha scritto il 09 agosto 2017 alle 14:13 :

    I telefonini! Che siano maledetti! Senza contare le altre cento, mille, troppe altre distrazioni alla guida...sì, va bene che la strada è quella che è però, come giustamente faceva notare il Sig. Di Gennaro, i ritmi sono cambiati, si sono evoluti; io aggiungerei che a dispetto dei tempi evoluti, i cervelli sono regrediti...e la situazione tende sempre più a peggiorare! Rispondi a Vin Cenzo

  • Paperino 54 ha scritto il 09 agosto 2017 alle 14:04 :

    Vorrei capire, è colpa della curva o dell' alta velocità, o peggio ancora della distrazione? Rispondi a Paperino 54

  • Domenico tedeschi ha scritto il 09 agosto 2017 alle 13:26 :

    Bisogna verificare la velocità che percorreva il veicolo e se non aveva altre distrazioni. Rispondi a Domenico tedeschi

  • Domenico tedeschi ha scritto il 09 agosto 2017 alle 13:21 :

    Bisogna verificare la velocità che percorreva il veicolo,e se non aveva altre distrazioni Rispondi a Domenico tedeschi

  • Aldo1960 ha scritto il 09 agosto 2017 alle 13:00 :

    Ma perché il comune di Corato nn presenta un esposto alla Regione.che prendono provvedimenti sulla quella tratta provinciale? Stiamo aspettando che ci scappi il mprto Rispondi a Aldo1960

  • Cosimo Cignola ha scritto il 09 agosto 2017 alle 12:56 :

    Io penso che si potrebbe anche fare un tappeto nuovo di asfalto...che ne dite? Fa schifo l'asfalto, non la curva....è diventato liscio!!!!! Rispondi a Cosimo Cignola

  • "salvatore di gennaro" ha scritto il 09 agosto 2017 alle 12:39 :

    E' una vita che esiste quella curva, ma mai erano successi tanti incidenti in poco tempo. Erano più bravi gli autisti di allora? Non esistevano marchingegni (vedi telefonini) che distraessero i guidatori? I ritmi ( e la velocità) della vita, erano più "a misura d'uomo"? Vi era meno traffico? Mah! Rispondi a "salvatore di gennaro"

  • Vito Questo ha scritto il 09 agosto 2017 alle 12:05 :

    A Corato va tutto bene. (cit.) Rispondi a Vito Questo

  • Cataldo FERRARA ha scritto il 09 agosto 2017 alle 11:33 :

    Quella è la stessa curva dove circa 60 giorni fa ebbe un incidente gravissimo un centauro Coratino. Ebbene o in quel tratto si mettono dei rallentatori con segnali visivi di pericolo oppure ci aiuteremo a vedere oltre e che sentire di incidenti in quel tratto. Rispondi a Cataldo FERRARA

    Aldo1960 ha scritto il 09 agosto 2017 alle 13:05 :

    Li va fatto l'espropio del terreno e rifatta la curva tipo eben ezer x intenderci di Via a.magno Rispondi a Aldo1960

    Anna Maria Tarantini ha scritto il 09 agosto 2017 alle 12:17 :

    Si potrebbe rendere la curva meno a gomito e permettere la visibilità, inoltre sono stati messi 2 pali nuovi ...Ma i segnali quando????? Rispondi a Anna Maria Tarantini

    giuseppe curtatone ha scritto il 09 agosto 2017 alle 12:05 :

    il problem anon sono i rallentatori ma la eccessiva velocità.inutile nascondersi dietro und ito.sono strade che conosciamo bene quasi tutti . Rispondi a giuseppe curtatone

Le più commentate
Le più lette