​Presentate le nuove varianti di burrata

Caseificio Maldera al Cibus 2018

Tanti i buyer internazionali provenienti da Taiwan, Giappone Cina, est Europa e nord America, interessati ai prodotti pugliesi

Contenuti Suggeriti
Corato lunedì 14 maggio 2018
Caseificio Maldera al Cibus 2018
Caseificio Maldera al Cibus 2018 © n.c.

Bilancio positivo per il Caseificio Maldera di Corato dopo la partecipazione come espositori al Cibus 2018. La fiera dell’agroalimentare tenutasi dal 7 all’11 maggio a Parma, ha registrato ben82mila presenze tra buyer internazionali e nazionali, 2mila in più rispetto alle aspettative degli operatori.

Alla 19/ma edizione del Salone internazionale dell'Alimentazione hanno partecipato 3.100 aziende alimentari provenienti da tutte le Regioni italiane, tra cui anche il Caseificio Maldera di Corato, storico tempio della mozzarella in città, che ha riscontrato enorme interesse per i prodotti pugliesi, soprattutto a livello internazionale.

Tra i prodotti presentati dall’azienda coratina non poteva mancare la burrata.

I prodotti Maldera al Cibus 2018
Le enormi potenzialità, ancora inespresse, del Made in Italy alimentare continuano a ridare nuovo slancio all’economia del paese. Lo sa bene il Caseificio Maldera che da sempre investe su qualità ed artigianalità nel settore alimentare. Tra i prodotti presentati dall’azienda coratina non poteva mancare la burrata, il cuore della produzione della e della tradizione casearia pugliese, declinata in più varianti, al tartufo, al salmone ed erborinata, oltre alla classica e a quella affumicata. A completare la mozzarella nelle sue differenti lavorazioni di fiordilatte, nodini e trecce, alla stracciatella, ai formaggi freschi come la giuncata tradizionale o aromatizzata e gli affumicati. Tanti i buyer internazionali del mondo della ristorazione e non, provenienti da Taiwan, Giappone Cina, est Europa e nord America, interessati ai prodotti Maldera.

Storia
Il Caseificio Maldera nasce nel 2006 a Corato, ad opera di Giuseppe Maldera, il quale continua l'attività familiare intrapresa nel 1972 da nonno Giuseppe in una terra ricca di storia e tradizione nella quale le mucche da latte hanno trovato il loro habitat ideale. Gli insegnamenti custoditi, tra ricordi e tradizioni tramandate di padre in figlio, hanno decretato il successo in scala nazionale ed internazionale dell’azienda, oggi alla continua ricerca della qualità.

Lascia il tuo commento
commenti