Dal 2001 la giornata dell’8 agosto è stata designata “Giornata del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo” per informarne e valorizzarne il contributo sociale, culturale ed economico dei lavoratori italiani all’estero

Nel ricordo della strage di Marcinelle, dal Comune «onore ai connazionali che persero la vita»

L’amministrazione comunale «purtroppo la cronaca di questi giorni, nelle terre di Capitanata così vicine alle nostre, parla ancora della morte di migranti, impegnati nei lavori più duri, faticosi e pericolosi»

Attualità
Corato mercoledì 08 agosto 2018
di La Redazione
I funerali nella miniera di carbone del “Bois du Cazier” a Marcinelle
I funerali nella miniera di carbone del “Bois du Cazier” a Marcinelle © n.c.

8 agosto 1956, Marcinelle, Belgio. Quel giorno una frana nella miniera di carbone del “Bois du Cazier” a Marcinelle, sobborgo operaio di Charleroi in Belgio, procurò la morte a 262 minatori, 136 dei quali italiani, uccisi soprattutto dall'imprevidenza, dalla mancanza di misure protettive e dalla disorganizzazione.

«Come ogni anno - scrivono dal Palazzo di città - quella tragedia e quel ricordo mai sopito ci riportano con il pensiero al tempo in cui tanti italiani si recavano all’estero alla ricerca di un lavoro e di una vita libera dal bisogno, con un bagaglio infinito di sacrifici e forza d’animo.

Dal 2001 la giornata dell’8 agosto è stata designata “Giornata del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo” per informarne e valorizzarne il contributo sociale, culturale ed economico dei lavoratori italiani all’estero: anche oggi gli italiani emigrano, e sono tanti, giovani istruiti e perfino sicuri talenti, stanchi della mancanza di opportunità adeguate alle loro ambizioni.

La società globale offre nuovi spazi di inserimento, ma non considera gli aspetti deteriori di un allontanarsi dalle proprie radici come perdita della propria identità culturale. La politica economica del nostro Paese deve riflettere sugli ultimi dati che indicano che negli ultimi anni sono sempre più numerosi gli italiani che si sono trasferiti all’estero. Il nostro operato deve essere orientato a fare in modo che i nostri giovani possano trovare in Italia quello che cercano e che partire sia una scelta, non l’unica via d’uscita».

Anche l’amministrazione comunale di Corato oggi «ricorda e onora quei connazionali che persero la vita sul lavoro in Terra straniera, nel Paese in cui si erano recati sfuggendo alle miserie del dopoguerra, costretti ad abbandonare la propria terra e i loro affetti più cari in cerca di una vita migliore: purtroppo la cronaca di questi giorni, nelle terre di Capitanata così vicine alle nostre, parla ancora della morte di migranti, impegnati nei lavori più duri, faticosi e pericolosi, fuggiti dai propri Paesi per cercare un futuro migliore e invece trattati senza dignità.

A loro va il pensiero di tutta la nostra Comunità: lo dobbiamo anche alle vittime di Marcinelle e ai milioni di nostri emigrati che hanno contribuito, con la loro dedizione e le loro capacità, allo sviluppo delle società che li hanno accolti».
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Lucio nichilo ha scritto il 08 agosto 2018 alle 22:38 :

    A loro è dedicata una bellissima canzone dei new trolls: una miniera , le cui parole sono struggenti Rispondi a Lucio nichilo