Per offrire la propria collaborazione si può scrivere a ondadurtocorato@gmail.com oppure a gruppocorato@frates.eu

“Giornata della prevenzione”, tutte le novità dell'edizione 2018

Fondamentale la collaborazione con l’Unione italiana ciechi, che metterà a disposizione il camper per i controlli sulla vista, la Fratres che il 22 mattina dalle 7 alle 12 renderà possibile la donazione del sangue, e Misericordia

Attualità
Corato sabato 14 luglio 2018
di La Redazione
Onda d'urto in sala verde
Onda d'urto in sala verde © CoratoLive.it

La bella stagione non ferma l’entusiasmo e la voglia di centrare l’obiettivo dei volontari di Onda d’urto. Ormai da alcune settimane sono alle prese con l’organizzazione della terza edizione della “Giornata della prevenzione”. Quest’anno si svolgerà il 22 e il 23 settembre, sempre nella villa comunale.

L’obiettivo resta invariato: «spingere le persone a tenere sotto controllo la propria salute». Aumentano le possibilità di screening gratuiti: «quest’anno ci saranno in più il dentista per le neoplasie del cavo orale, il ginecologo e l’ortopedico» spiega il presidente Domenico Ungari.

Fondamentale la collaborazione con tre associazioni del territorio: l’Unione italiana ciechi che metterà a disposizione il camper per i controlli sulla vista; la Fratres che il 22 mattina dalle 7 alle 12 renderà possibile la donazione del sangue all’interno dell’emoteca; la Misericordia che, in collaborazione con Domenico Varesano, infermiere e istruttore Irc “Gifes”, fornirà un’unità mobile che potrà essere utilizzata sia per delle dimostrazioni pratiche che «per degli incontri a tema programmati» come ha suggerito il socio dell’unione italiani ciechi Luigi D’Onofrio.

La fase organizzativa è in continuo sviluppo: «ci rivolgiamo alla città per chiedere aiuto economico alle aziende e alle istituzioni. E non solo: abbiamo bisogno anche di braccia, sia di medici che di volontari che possano aiutarci dal punto di vista logistico direttamente nella villa comunale». Per offrire la propria collaborazione si può scrivere a ondadurtocorato@gmail.com oppure a gruppocorato@frates.eu.

«A settembre - anticipa Onda d’urto - allestiremo dei banchetti nei luoghi più frequentati della città per le prenotazioni delle visite e per le donazioni.

Dopo la manifestazione invece sarà importante divulgarne “le cifre”. L’anno scorso, per esempio, su 950 visite furono trovati circa 45 casi poi presi in carico dal Policlinico per ulteriori approfondimenti. Manterremo lo stesso accordo anche per l’edizione 2018».

In ultimo, non certo per importanza, la novità della “passeggiata della salute”: «sarà un percorso di 5 chilometri, adatto a tutti e senza nessuna competizione. Siamo ancora in fase di definizione per i dettagli ma, di sicuro, l’obiettivo è quello di lanciare un messaggio chiaro: lasciare le auto e andare a piedi».

Pensando al futuro, non troppo lontano, Onda d’urto ha già le idee chiare: «il sogno è sicuramente quello di raccogliere i dati per il registro tumori cittadino ma anche quello di arrivare a realizzare una intera settimana dedicata alla prevenzione.

Troppi italiani hanno smesso di curarsi, anche per questioni economiche. L’anno prossimo a Corato si andrà a votare e speriamo che - chiunque vinca - abbia a cuore il tema della prevenzione per la salute. Una popolazione che sta bene rende la città più viva».
Lascia il tuo commento
commenti