Ha lasciato ​«un patrimonio incommensurabile di valori, modelli, relazioni, azioni che oggi impone un rinnovato e rafforzato impegno»

«Angela, militante instancabile per la Cultura e “Presidio del Libro” inespugnabile»

Nel giorno dell’estremo saluto arriva il cordoglio di Aldo Patruno, direttore del Dipartimento Cultura e Turismo della Regione Puglia

Attualità
Corato mercoledì 11 luglio 2018
di La Redazione
Angela Pisicchio
Angela Pisicchio © n.c.

«Un “Presidio del Libro” inespugnabile». Anche questo era Angela Pisicchio, l’insegnate scomparsa ieri dopo aver combattuto una grave malattia. A scriverlo è Aldo Patruno, direttore del Dipartimento Cultura e Turismo della Regione Puglia.

«A nome mio personale e del Dipartimento che rappresento - scrive Patruno - intendo esprimere il più profondo cordoglio per la scomparsa di una grande Donna, una vera Maestra, una militante instancabile della e per la Cultura.

Angela Pisicchio è stata e continuerà ad essere per la Città di Corato, per la Puglia e per l’Italia intera, un “Presidio del Libro” inespugnabile.

Ha lavorato fino all’ultimo sulla promozione e la diffusione della Cultura e del Libro, in una Regione e in un Paese che notoriamente leggono pochissimo e hanno un disperato bisogno di formazione del pubblico e del lettore. Angela l’amore per la lettura e per i libri l’ha portato e insegnato ovunque: dalla Scuola, cui ha dedicato la sua vita, fino alle carceri, attivando tutte le volte sinergie virtuose tra Pubblico e Privato.

Soltanto qualche giorno fa mi aveva invitato al convegno “Il valore e il coraggio delle donne” nell’ambito della II edizione della Notte Rosa a Corato; non ci sono potuto andare per altri impegni istituzionali, ma approfitto adesso, nel giorno dell’estremo saluto ad Angela, per tributare l’omaggio a una Donna che il Valore e il Coraggio al femminile li ha declinati sulla propria pelle, nel servizio agli altri e alla comunità.

Le condoglianze alla famiglia, ma anche ai Presidi del Libro, che di quella famiglia hanno sempre fatto parte e che oggi perdono un pezzo importante di se, ma si ritrovano nel contempo eredi di un patrimonio incommensurabile di valori, modelli, relazioni, azioni che oggi impone un rinnovato e rafforzato impegno.

Un primo esempio? La scelta di un gruppo di suoi ex alunni di aprire una raccolta fondi online per l’acquisto di libri per bambini da donare alla biblioteca comunale in memoria di Angela Pisicchio. A conferma che il chicco di grano, morendo, produce molto frutto».
Lascia il tuo commento
commenti