​I frutti del Protocollo di intesa, sottoscritto tra il Comune di Corato ed Eurosud, associazione per la mobilità giovanile internazionale continuano a diffondere risultati concreti sul territorio

Net-Neet, un'opportunità per i giovani che non studiano e non lavorano

Il Comune, grazie al protocollo con Eurosud, offre ai ragazzi la possibilità di intraprendere un percorso di emancipazione per la loro crescita professionale e culturale

Attualità
Corato giovedì 14 giugno 2018
di La Redazione
Eurosud
Eurosud © n.c.

I frutti del Protocollo di intesa, sottoscritto tra il Comune di Corato ed Eurosud, associazione per la mobilità giovanile internazionale continuano a diffondere risultati concreti sul territorio.

Net-Neet, rappresenta decisamente un'opportunità per i giovani che non studiano e non lavorano. Il Comune di Corato, grazie al protocollo d'intenti con l'associazione Eurosud, offre ai ragazzi tra i 18 e i 25 anni, in possesso di licenza media o diploma superiore, la possibilità di intraprendere un percorso di emancipazione per la loro crescita professionale e culturale.

Il percorso (sperimentale per ora) permetterà ai giovani di ottenere autonomia: personale, con la formazione dell’individuo attraverso attività di laboratorio ed esperienze sul campo per l’acquisizione delle “Life skills” - competenze utili per la vita e per il lavoro; lavorativa, con l’attivazione di un tirocinio professionale presso cooperative sociale o campo ristorativo-alberghiero - percorsi di ricerca di lavoro di gruppo, sotto la guida di tutor qualificati.

«Non solo un progetto europeo che offre nuove opportunità ai giovani – sottolinea l’assessore alle Politiche Giovanili Menduni - ma una rete articolata di soggetti che, con la partecipazione diretta anche del Comune di Corato, puntano ad accrescere l’occupazione dei giovani, che attualmente sono fuori da percorsi lavorativi e scolastici».

Per l’Italia il network è rappresentato dal Consorzio Regionale Pegaso, dall’ente di formazione Itaka Training, e dall’associazione per la mobilità giovanile internazionale Eurosud.

«Il nostro obiettivo è di favorire progetti di mobilità diretti a giovani neet e con un livello basso di qualifica o titolo di studio, per potenziare, valorizzare le loro competenze chiave e le life skills, in settori ed ambienti legati allo sviluppo locale, soprattutto nelle pmi» riporta per Eurosud il giovane avvocato Adriano Difronzo.

Il progetto Net-Neet è stato finanziato dal programma Erasmus KA2 e coinvolge 6 paesi europei, Francia, Italia, Spagna, Grecia, Germania e Danimarca e 15 soggetti appartenerti al mondo delle imprese, della formazione, dell'inclusione e reti giovanili.

Per adesso la mobilità sarà possibile esclusivamente per un ragazzo/a ma il network ed il Comune stanno già lavorando per incrementare le opportunità disponibili.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • salvatore di gennaro ha scritto il 14 giugno 2018 alle 16:08 :

    Le grandi opportunità, considerate come "livelli occupazionali", si possono reperire specialmente nell'ambito della concorrenza statale o periferica, ma sempre circoscritte a realtà istituzionali. I settori di riferimento sono quelli per i quali spesso vi sono lamentele da parte dell'utenza: pulizia vie, gestione del verde pubblico, manutenzione strade, sicurezza ed altri ancora. Liberare i Comuni da questi oneri, problematici se vi è un'incapacità nel gestirli, affidando ai privati tale incombenze, credo creerebbe molti posti di lavoro. E' sorto, nel corso degli anni, un malinteso concetto: l'idea che sia inviolabile ciò che appartenga, di competenza, alle Istituzioni, contro la totale mancanza del "senso della nazione", che inibisce il perfetto funzionamento dello Stato e del parastato. Rispondi a salvatore di gennaro