​La presentazione della “Carta dei Diritti della Bambina” inizierà domani alle 18.30, nella Sala Verde del Palazzo di Città

“Marzo Donna”, il rispetto dei diritti parte dall’infanzia

Per «sensibilizzare l’opinione pubblica ad un’azione mirata di contrasto alla drammatica emergenza della violenza di genere, per un’educazione delle giovani e dei giovani senza pregiudizi»

Attualità
Corato mercoledì 14 marzo 2018
di La Redazione
Gran gala Coraton (foto di archivio)
Gran gala Coraton (foto di archivio) © Vito Gallo

Anche la Fidapa Bpw Italy - Sezione di Corato partecipa al programma cittadino del “Marzo Donna” organizzato dall’assessorato comunale alle politiche sociali e pari opportunità: domani presenterà la “Carta dei Diritti della Bambina”.

Per «sensibilizzare l’opinione pubblica ad un’azione mirata di contrasto alla drammatica emergenza della violenza di genere, per un’educazione delle giovani e dei giovani senza pregiudizi». Questo il primario obiettivo della “Nuova Carta dei Diritti della Bambina”, redatta dall’International Federation of Business and Professional Women (Ifbpw).

La presentazione inizierà domani alle 18.30, nella Sala Verde del Palazzo di Città.

La Fidapa Bpw Italy, in quanto associazione femminile e movimento di opinione nato come espressione italiana della Federazione americana Business and Professional Women, ha la finalità specifica di promuovere, coordinare e sostenere le donne che operano nel campo delle arti, professioni e affari, incentivandone l’impegno politico e civile, senza distinzioni di etnia, lingua e religioni, con uno sguardo attento alle più giovani generazioni.

La tutela dei diritti delle bambine in Italia e nel mondo è di assoluta priorità per garantire il rispetto dei diritti umani e l’eliminazione di ogni forma di violenza e di discriminazione di genere, di cui al momento sono vittime 65 milioni di bambine, in violazione della convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e della adolescenza (Ginevra 1989).

Bambine e bambini devono poter vedere rispettati gli stessi diritti; in Italia e nel mondo tuttavia le prime sono messe di fronte a barriere ed ostacoli che troppo spesso lo impediscono. Ciò determina, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, l’impossibilità per le bambine di uscire dal circolo vizioso della povertà.

«È indispensabile - scrivono dalla sezione locale - avviare su queste tematiche campagne di sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza, con il coinvolgimento di un’ampia rete di soggetti interessati e dei media sensibili alle questioni di genere.

Il progetto della Fidapa Bpw Italy prevede che la “Carta dei Diritti della Bambina”, presentata per la prima volta durante il Congresso della Bpw Europa tenutosi a Reykjavik nel 1997, sia diffusa sul territorio nazionale al fine di sollecitare la sottoscrizione e l’adozione da parte dei 300 Comuni presso i quali è attiva l’associazione, favorendo iniziative integrate dirette soprattutto al mondo della scuola, ai giovani e alle giovani, nonché alle famiglie.

Ispirata alla Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia del 1989, la Carta non ha la pretesa di essere vincolante; è un’enunciazione di nove principi che sottolineano il diritti delle bambine di essere protette e trattate con giustizia, dalla famiglia e dalla scuola, di essere tutelate da ogni forma di violenza fisica o psicologica, di essere trattate con i pieni diritti della persona, di ricevere istruzione, educazione su tutti gli aspetti della salute e di non essere bersaglio o strumento di campagne lesive per la sua dignità. Perché, come ha dichiarato l’Unicef Italia nella Giornata Internazionale della Donna, “ogni bambina è futuro” e merita di poter sempre guardare la sua vita di donna in crescita con il candore della speranza.

Apriranno la serata Maria Francesca Casamassima, presidente della Fidapa Bpw Italy - Sezione di Corato, il sindaco Massimo Mazzilli e l’assessore alle pari opportunità Antonella Rosito. Seguiranno gli interventi di Michele Corriero, presidente comitato provinciale Bari UNICEF, Giuseppina De Palo, referente di sezione della “Carta dei Diritti della Bambina” e Valeria Lotito, psicologa. Modererà la serata la giornalista Francesca Maria Testini.
Lascia il tuo commento
commenti