​«Ho bisogno di garantire serenità ai miei figli. Se qualcuno avesse un lavoro da offrirci saremmo contentissimi»

Un’altra famiglia da ieri dorme in auto. Mamma Antonia: «Aiutateci»

«Siamo in cinque, con un figlio invalido. Stamattina per lavarci abbiamo dovuto aspettare che aprissero i bagni pubblici. Subito dopo siamo andati al Comune» racconta Antonia

Attualità
Corato giovedì 15 febbraio 2018
di La Redazione
Un’altra famiglia da ieri dorme in macchina, mamma Antonia: «Aiutateci»
Un’altra famiglia da ieri dorme in macchina, mamma Antonia: «Aiutateci» © CoratoLive.it

«È stato terribile, abbiamo vagato per paura che qualcuno ci facesse del male». Un’altra famiglia coratina finisce per strada e oggi racconta la prima notte passata in macchina al freddo.

A chiamare il numero della nostra redazione è di nuovo una mamma: si chiama Antonia e ha 43 anni. Al suo fianco ci sono suo marito 50enne e i loro tre figli: la primogenita ha compiuto 20 anni, il secondo - invalido al 100 per cento - ne ha quasi 19, il terzo 13 e da ieri non sta andando più a scuola.

«Stamattina per lavarci abbiamo dovuto aspettare che aprissero i bagni pubblici. Subito dopo siamo andati al Comune» racconta Antonia. «Abbiamo bisogno di aiuto - prosegue - e non riusciamo a trovare una casa che ci permetta di rimanere tutti uniti».

Da subito un’ammissione di responsabilità: «sia io che mio marito siamo rimasti senza lavoro e da un anno non riusciamo a pagare l’affitto e le utenze. Per questo il proprietario di casa ci ha sfrattati. Siamo riusciti a rinviare questa situazione per alcuni mesi ma ieri abbiamo dovuto portare fuori tutti i nostri mobili e i proprietari hanno cambiato la serratura della porta».

Fino allo scorso anno la famiglia riusciva a far fronte alle spese dell’affitto grazie alla pensione di accompagnamento che lo Stato eroga al figlio invalido. Ma, crescendo, le eisgenze economiche sono aumentate e, inoltre, non è certo che si possa contare a lungo su questa risorsa. «A breve la commissione medica che si occupa di nostro figlio ci chiamerà e non è detto che tutto venga riconfermato così com’è».

Informati del caso, i servizi sociali come soluzione temporanea hanno proposto di ospitarli due diverse strutture. Per il figlio minore ci sarebbe la Comunità di Sant’Antonio e per il secondogenito un’altra realtà residenziale più adatta alla gestione dell'invalidità. Resterebbero dunque per strada Antonia, suo marito e la loro prima figlia: non ci sono nemmeno amici o parenti disposti ad ospitarli. Inclusa la mamma della donna, che vive fuori Corato.

«Su questo caso i nostri uffici stanno lavorando da tempo - conferma l'assessore Antonella Rosito - e conosciamo in maniera approfondita anche la situazione economica del nucleo familiare». Ieri un barlume di speranza: «tramite i servizi sociali ci era stato proposto un appartamento. Siamo andati a vederlo ma la proprietaria ci ha detto che la casa non è disponibile nell'immediato».

«So solo che non voglio più dormire in macchina, a parte il freddo vi lascio immaginare le condizioni igieniche in cui siamo» conclude Antonia. «Oggi mangeremo grazie alla mensa del Centro aperto diamoci una mano. Ma ho bisogno di garantire serenità ai miei figli. Se qualcuno avesse un lavoro da offrirci, io e mio marito saremmo contentissimi. In passato ho lavorato anche come collaboratrice scolastica: non sono più stata chiamata da quando la legge prevede un titolo di studio minimo superiore a quello in mio possesso».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • IL CAVALIERE OSCURO ha scritto il 16 febbraio 2018 alle 03:58 :

    Non voterò nessuno questa volta...coraggio signora Antonia...politici andate tutti a ........ Rispondi a IL CAVALIERE OSCURO

  • Ricdomy ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 22:10 :

    Scusate ma c'è qualcosa che non torna in tutte queste vicende..( premetto che sono apolitico e apartitico). In questo ultimo caso la signora percepisce tra pensione e accompagno 1.200€ mensili circa, e ci sono famiglie che non percepiscono una tale somma e riescono ad andare avanti..se poi ci si adopera in qualche lavoretto qualcosina in più si accumula..mi sembra molto strano che non si riesca ad andare avanti... E ripeto ci sono famiglie che hanno molto meno.. Rispondi a Ricdomy

    Amedeo Strippoli ha scritto il 16 febbraio 2018 alle 18:20 :

    Complimenti, osservazione molto acuta. Spero che da parte della Signora ci sia tanta buona fede. Rispondi a Amedeo Strippoli

  • Angela Mazzilli Ventura-Corato ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 18:16 :

    Tranquilla Antonia ; ci sono le promesse (che tali rimarranno) elettorali (cazzate pur di prendere voti) : lavoro, salute, niente spese universitarie per i giovani, 1.000 euro alle mamme (fantastico) , sicurezza nelle città e MILIONI di altre GROSSE BUGIE. Ai politici dico-scrivo (convintamente) ; VERGOGNATEVI . Avete ridotto tantissimi italiani così, come Antonia e famiglia. Rispondi a Angela Mazzilli Ventura-Corato

  • Amedeo Strippoli ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 14:38 :

    Non potendo far altro che esprimere il mio rammarico e la mia sincera solidarietà a questa sfortunata famiglia, mi auguro che nei dibattiti politici di questo giorni ci sia anche spazio per parlare di queste tristi situazioni e magari, dare delle soluzioni fattive. Poi, senza alcuna polemica, ma non si può dare anche a questi sfortunati connazionali lo status di rifugiato, in modo tale da elargire anche a loro lo stesso sussidio che viene concesso, la storia fra qualche anno ci dirà se sia giusto o no, a vario titolo ai migranti. Rispondi a Amedeo Strippoli

  • Sancio Panza ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 13:31 :

    Dico solo che in un paese civile, e col più alto numero di tasse, è una vera VERGOGNA. Rispondi a Sancio Panza

  • Ferrara Cataldo ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 13:15 :

    Tutto assurdo, vergognosamente assurdo. Nel terzo millennio invece di non sentire più parlare di queste storie disumane cosi drammatiche, si continua a registrare situazioni terribili di incapienza. Ma non c'era qualcuno (Prodi) che affermava che con l'euro e l'Europa saremmo stati tutti piu ricchi? Spero che la signora Antonia e la sua famiglia trovino un posto degno per loro. Sono sicuro che l'amministrazione comunale darà il possibile per sistemare questa FAMIGLIA. Rispondi a Ferrara Cataldo

    Angelo Mangione ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 16:05 :

    L'ammirazione dorme... Adesso la colpa è di Prodi? Pur di continuare a caprire questa amministrazione si dicono cavolate Rispondi a Angelo Mangione

    Carla ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 18:19 :

    Poi i comuni pàgano 15 euro al giorno a chi affitta appartamenti per ospitare extra comunitari.Spero che i figli di voi tutti vi perdonino per il mondo che state consegnando loro. Rispondi a Carla