​A fare proprio l’appello è a anche Michele Emiliano, sollecitato anche dal lavoro di monitoraggio prezioso delle associazioni e federazioni dei donatori sangue

Emergenza sangue, domenica si dona anche a Corato

Emiliano: «so bene quanto siano solidali i pugliesi. Vi chiedo di dare una mano»

Attualità
Corato venerdì 12 gennaio 2018
di La Redazione
un donatore
un donatore © n.c.

Domenica 14 gennaio appuntamento anche all’Umberto I per fronteggiare l’emergenza sangue in Puglia. La carenza di sangue nel periodo post festivo, e soprattutto post influenzale, è purtroppo una consuetudine con la quale confrontarsi soprattutto in alcune aree geografiche della Regione, ad esempio Brindisi e Taranto.

A fare proprio l’appello è a anche il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sollecitato anche dal lavoro di monitoraggio prezioso delle associazioni e federazioni dei donatori sangue che costantemente lavorano a diretto contatto con gli uffici regionali. Egli stesso andrà a donare il proprio sangue al Policlinico di Bari.

«Vorrei rivolgere un invito a tutti i donatori e a tutti coloro che non lo sono ancora - ha detto Emiliano - andate a donare perché il vostro sangue potrebbe salvare una vita umana. So bene quanto siano solidali i pugliesi, e del resto l’accoglienza e l’attenzione verso l’altro è tra le nostre doti più pregiate. Vi chiedo di dare una mano. Non è un buon periodo per le donazioni di sangue, tra le festività e l’influenza molti donatori abitudinari non hanno potuto farlo. Oggi la carenza di sangue sta portando qualche problema, possiamo però intervenire prima che questa diventi una vera e propria emergenza. Quindi donate sangue perché donare fa bene a noi e agli altri».

Il presidente ha colto anche l’occasione per ricordare il Programma di autosufficienza regionale del sangue e dei suoi derivati, approvato nell’ultima Giunta, in base al quale nel 2018 si dovranno raccogliere 157mila unità di sangue e conferire all'industria 43mila chili di plasma, così come da impegno con il Centro Nazionale Sangue.

«Il Programma - conclude Emiliano - prevede anche l’avvio, proprio nelle due zone con maggiore criticità, Brindisi e Taranto, di un progetto pilota sperimentale che consenta di elaborare un modello organizzativo in grado di seguire l'intero percorso assistenziale, dalla fase di donazione del sangue fino all'atto trasfusionale».

Lascia il tuo commento
commenti