È stata pubblicata oggi l'ordinanza sindacale con cui il Comune vieta la vendita e l'utilizzo di articoli pirotecnici pericolosi

Niente "botti" a Capodanno, c'è l’ordinanza a tutela di persone e animali

Previsto il divieto di far esplodere ogni e qualsivoglia articolo pirotecnico su piazza Cesare Battisti, Corso Mazzini, Corso Cavour e su Via Duomo, Via Di Vittorio e Via Dante

Attualità
Corato martedì 12 dicembre 2017
di La Redazione
Botti di Capodanno
Botti di Capodanno © n.c.

Niente "botti" a Capodanno « a tutela della pubblica incolumità e della sicurezza urbana».

È stata pubblicata oggi l'ordinanza sindacale con cui il Comune vieta la vendita e l'utilizzo di articoli pirotecnici pericolosi.

Il provvedimento, nel dettaglio, vieta «la vendita su aree pubbliche, in qualsiasi forma effettuata, all’interno del centro urbano della città, di qualsiasi materiale rientrante della definizione di articoli pirotecnici così come definiti dal precitato Decreto Legislativo 29 luglio 2015, n.123». Nel documento è previsto anche il divieto «di far esplodere ogni e qualsivoglia articolo pirotecnico su piazza Cesare Battisti, luogo questo di svolgimento dello spettacolo musicale di fine anno, nonché su Corso Mazzini, Corso Cavour e sulle Vie Duomo, G. Di Vittorio e Via Dante».

È vietato, anche «condurre in qualsiasi momento animali d’affezione in luoghi dove vengono effettuati spettacoli pirotecnici autorizzati.

Le sanzioni
L’inosservanza alle disposizioni dell'ordinanza comporta l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro.

Le raccomandazioni
Il provvedimento, infine, raccomanda «l’acquisto, esclusivamente presso rivenditori autorizzati, di articoli pirotecnici muniti della dicitura attestante la possibilità di commercializzazione al pubblico, nonché della prevista etichettatura recante, tra l’altro, i limiti di età e le altre condizioni di vendita, le istruzioni d’uso, la distanza di sicurezza; di non affidare a minori prodotti pirotecnici che, anche se non espressamente loro vietati, richiedano una certa perizia nel loro impiego o che comportino comunque un sia pur minimo livello di pericolo in caso di utilizzo maldestro; di non raccogliere eventuali petardi, botti o altri prodotti pirotecnici inesplosi che dovessero essere rinvenuti in qualsiasi luogo pubblico e/o area privata ad uso pubblico».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette