La conferma arriva grazie da Nitti, direttore generale della Ferrotramviaria, in risposta ad una richiesta del senatore Luigi Perrone

Tratta ferroviaria Corato-Ruvo, niente treni almeno fino al 2018

«L'Ansf dovrebbe esprimersi in merito entro dicembre del corrente anno e, in caso di parere favorevole, si potrebbe pensare di riattivare entro i primi mesi del 2018 la circolazione dei treni»

Attualità
Corato martedì 31 ottobre 2017
di La Redazione
I binari visti dal ponte di via Ruvo
I binari visti dal ponte di via Ruvo © CoratoLive.it

Ci sarà da aspettare ancora diversi mesi prima che i treni riprendano a collegare Corato e Ruvo. La conferma ufficiale arriva grazie alla missiva firmata da Nitti, direttore generale della Ferrotramviaria, arrivata all’indirizzo del senatore Luigi Perrone a seguito di una sua richiesta .

«I pesanti disagi subiti dall'utenza - scrive Nitti - dovuti, come a lei noto, ai maggiori tempi di percorrenza delle autocorse sostitutive rispetto al servizio ferroviario sulla relazione Ruvo-Andria (tratta sulla quale attualmente non circolano treni) e all'adozione del limite di velocità a 50 km/h sulla intera rete ferroviaria (nell'ambito delle "misure minime" di sicurezza disposte dall'Ansf in applicazione del D.M. 5 agosto 2016), hanno reso necessario variare il programma di esercizio nella totale interezza, allargando la maglia dei treni effettuati e adeguando il servizio automobilistico ad una realistica possibilità di rispettare le coincidenze ferro-gomma, previste a Ruvo ed Andria. Si tratta di una soluzione tecnica che elimina parzialmente i disagi e che può garantire ai viaggiatori una maggiore puntualità dei terni e una discreta regolarità del servizio su gomma tra Ruvo-Corato-Andria.

Considerate le attuali ridotte capacità di trasporto dell'infrastruttura e le mutate condizioni di viaggio, come su descritte, probabilmente è quanto di meglio si sarebbe potuto fare.

Tengo a precisarle che l'orario in vigore riveste carattere temporaneo, destinato ad essere rimodulato ad ogni evenienza evolutiva in relazione ai rapporti con l'Ansf. Una prima revisione del servizio, infatti, potremo attuarla allorché si renda possibile riprendere la circolazione dei treni fra Ruvo e Corato. I lavori di raddoppio della tratta Ruvo-Corato sono infatti terminati, mentre restano da completare sulla medesima tratta i lavori relativi al segnalamento e sicurezza, previo parere di autorizzazione da parte dell'Ansf. La documentazione tecnica relativa ai lavori ultimati (infrastruttura ed energia), nonché l'autorizzazione allo sviluppo del sottosistema Ccs (Comando controllo e segnalamento) sono state trasmesse all'Ansf per il relativo parere.

L'Ansf dovrebbe esprimersi in merito entro dicembre del corrente anno e, in caso di parere favorevole, si potrebbe pensare di riattivare entro i primi mesi del 2018 la circolazione dei treni fra Ruvo e Corato non a pieno regime, ma con le limitazioni che sarebbero necessarie nelle more della realizzazione degli impianti di segnalamento e sicurezza.

Inoltre, la ragguaglio sul fatto che l'Agenzia ha già dato l'Ammissione Tecnica per l'attivazione degli impianti Scmt fra Bari e Bitonto (e, pertanto, su tale tratta abbiamo potuto ripristinare la normale velocità di linea) e dovrebbe concedere il parere favorevole all'estensione dell'Ammissione Tecnica del sistema anche sulla tratta Bitonto-Ruvo, presumibilmente entro il primo trimestre 2018. Ricevuta quest'ultima autorizzazione, sarà possibile riprendere la circolazione anche fra Bitonto e Ruvo senza limitazione di velocità a 50 km/h.

È di tutta evidenza che, laddove nello svolgimento dell'attuale servizio dovessero emergere situazioni particolarmente critiche, si porranno in atto interventi mirati per mitigarne o eliminarne gli effetti, anche con l'istituzione di corse automobilistiche dirette di rinforzo. Intanto le assicuro il massimo impegno della Società affinché come sempre le attività di propria competenza siano tese a ristabilire quanto prima la regolarità del servizio».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 03 novembre 2017 alle 10:20 :

    Sarà una mia impressione, ma vedo che l'interesse è solo dedicato alle commemorazioni, a dare nomi alle piazze, ad affiggere targhe, ad effettuare marce in ricordo delle vittime, ecc. In queste occasioni sono presenti tutti, poi appena finita la "cerimonia" via tutti, spariti nel nulla, non se ne parla più fino al prossimo incontro, sempre cerimoniale. Ripeto, sarà solo una mia impressione. Rispondi a Marco

  • Salvatore ha scritto il 02 novembre 2017 alle 20:05 :

    Per una autorizzazione tanti mesi, che vergogna, vogliamo essere noi sottosviluppati. Rispondi a Salvatore

  • Irina.bari ha scritto il 02 novembre 2017 alle 17:15 :

    E una situazione insostenibile e disaggio dei viaggiatori con autunno aumenta, e sembra che nessuno pensa a modo di trovare la soluzione è accelerare i tempi....si parlava di settembre 2017( tempi massimi), ora da quando traspare nella comunicazione parliamo di marzo del 2018?)) Altri 5 interminabile mesi.... Vorrei tanto convincere a viaggiatori fare sciopero......unirsi e andare a Bari con le macchine, non pagare i biglietti e non acquistare l'abbonamento....che dopo tutto ha un costo altissimo!!!! Non possiamo sempre accettare le cose così com'è!!!!! Rispondi a Irina.bari

    Anna ha scritto il 04 novembre 2017 alle 17:12 :

    Giusto per puntualizzare....il costo dell'abbonamento è aumentato..😠 Rispondi a Anna

  • Anna Maldera ha scritto il 01 novembre 2017 alle 08:12 :

    Senza parole....tempi biblici degni di un paese sottosviluppato come sembra ormai essere l'Italia Rispondi a Anna Maldera

    Francesco ha scritto il 01 novembre 2017 alle 16:11 :

    In quest'ambito mi sembra che la Città di Corato segue fedelmente e più degli altri comuni limitrofi il sottosviluppo. Rispondi a Francesco