Sono state cinque le domande arrivate per i posti degli agenti e una per il dirigente

Polizia locale, dopo sei mesi assunta solo una vigilessa. Manca il comandante

Per il ruolo di comandante, il candidato che aveva inviato domanda ha deciso di non sostenere il colloquio rinunciando così ad ottenere il posto

Attualità
Corato mercoledì 19 aprile 2017
di La Redazione
Le auto dei vigili urbani
Le auto dei vigili urbani © CoratoLive.it

«La montagna ha partorito il topolino» si dice, citando Orazio. Un’affermazione ironica che sembra andare benissimo in riferimento all’assunzione di una sola vigilessa a fronte dei cinque agenti di polizia municipale - più il comandante - richiesti per Corato.

Come molti ricorderanno, a settembre dello scorso anno l'amministrazione comunale ha pubblicato due bandi per l'assunzione del nuovo comandante e di cinque agenti tramite la procedura di mobilità esterna da altre amministrazioni.

Alle selezioni potevano partecipare solo dipendenti con la qualifica di agente e comandante appartenenti ad altre amministrazioni. Il Partito democratico, sia in consiglio comunale - con Vito Bovino - che tramite un comunicato stampa, ha più volte chiesto aggiornamenti "sul caso".

Alla fine sono state cinque le domande arrivate per i posti degli agenti e una per il dirigente, tutte ammesse al colloquio. In sede di selezione però, il 5 aprile scorso, si sono presentati solo due candidati, entrambi per il ruolo di vigile: solo - una donna precedentemente in servizio presso un Comune lombardo - uno è risultato idoneo. Gli altri tre - secondo quanto riferito dal sindaco Mazzilli - hanno trovato sistemazione in altri Comuni.

Per il ruolo di comandante, invece, il candidato che aveva inviato la domanda ha deciso di non sostenere il colloquio rinunciando quindi ad ottenere il posto. Tutto (o quasi) da rifare, quindi.

«L’iter riparte» assicura il primo cittadino. «Come previsto dalla legge, per il ruolo di comandante l’ufficio personale sta predisponendo un avviso da pubblicare sulla Gazzetta ufficiale per richiedere ai Comuni le graduatorie valide per la mobilità: da lì attingeremo. Qualora anche questa modalità non dovesse sortire gli effetti sperati, si dovrà procedere con il concorso pubblico».

Per quanto riguarda i quattro vigili invece le operazioni vanno ripetute: «dovranno passare 60 giorni per la procedura della mobilità obbligatoria».

Oltre alla vigilessa assunta, quello che resta è la commissione chiamata a giudicare i candidati. Almeno per quella non ci sarà altro tempo da attendere.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • marcello ha scritto il 19 aprile 2017 alle 08:30 :

    Non si potrebbe fare un concorso cittadino ? Una persona che conosce già il territorio padre di famiglia over 40 Rispondi a marcello

  • disco disco ha scritto il 19 aprile 2017 alle 07:27 :

    non si potrebbe vedere in qualche partito o in qualche associazione politica come fatto per gli assessori ? Rispondi a disco disco

Le più commentate
Le più lette